Placeholder image
Papa Francesco ai giovani: “È buono non fare il male, ma è male non fare il bene”

Condividi:

In una Piazza San Pietro stracolma di giovani, che arrivavano ad occupare anche piazza Pio XII e metà di via della Conciliazione e che avevano appena celebrato la S. Messa col Card. Gualtiero Bassetti, 120 vescovi e moltissimi sacerdoti, Papa Francesco ha ripreso il filo del dialogo incominciato sabato pomeriggio, al Circo Massimo.

Il Pontefice ha attraversato a lungo i vari settori della piazza scatenando l’entusiasmo dei ragazzi, pur stanchissimi dopo una notte praticamente insonne. Il Card. Bassetti lo ha salutato a nome di tutti (il testo del saluto è in allegato) e gli ha chiesto di aiutare questi ragazzi “a tornare a casa: è la parte più difficile. Siamo andati per campi, – ha detto Bassetti – come gli antichi pellegrini, per poter tornare a casa e abitare il nostro mondo con il cuore rinfrancato da un’esperienza di vera fraternità”.

Il Santo Padre ha raccolto l’invito del Presidente della CEI e ha fornito ai 70.000 di Roma una indicazione chiara: il cristiano non può essere ipocrita, ha affermato, deve vivere nella coerenza. Occorre dire no – ha aggiunto – a una cultura della morte; ma non basta non fare il male, con una vita che scorra nell’apatia e nell’indifferenza. “Voi giovani per natura siete coraggiosi” – ha detto – ma ricordate, ha scandito: “è buono non fare il male ma è male non fare il bene!”. (Leggi il testo integrale del Papa)

“Cari giovani –ha concluso il Papa – in questi giorni avete camminato molto: camminate nella carità e camminiamo insieme verso il Sinodo!”

In conclusione, dopo la preghiera dell’Angelus, la benedizione di una statua della Madonna di Loreto e di una riproduzione del Crocifisso di San Damiano che, dalla Giornata Mondiale della Gioventù del 1987 a Buenos Aires, tradizionalmente sono i doni che la Chiesa italiana offre alla diocesi che organizza la Gmg. Questi due segni accompagneranno la spedizione italiana alla Gmg di Panama, in programma dal 22 al 27 gennaio 2019.



Argomenti: Giovani Santa Sede