Placeholder image
WeCa: Roma, oltre la pandemia

Condividi:

Sedicesimo appuntamento dedicato all’emergenza Coronavirus per i tutorial WeCa, ogni mercoledì in onda su Facebook, Youtube, sul sito www.weca.it e in televisione sui canali del circuito Corallo SAT. Il tutorial di mercoledì 24 giugno è intitolato: “Santi Pietro e Paolo. La diocesi di Roma oltre la pandemia” e vede la partecipazione di Christian Giorgio, responsabile social Ufficio Comunicazioni Sociali Vicariato di Roma e di don Stefano Cascio, parroco di San Bonaventura, Roma.

Alla vigilia della festa dei Santi Pietro e Paolo, patroni della diocesi di Roma, in compagnia di Fabio Bolzetta, presidente WeCa, uno sguardo a come la Chiesa di Roma ha affrontato l’emergenza Coronavirus.

«Il nostro lavoro si è rivelato semplice, seppur in un contesto difficilissimo – ammette Christian Giorgio – non abbiamo fatto altro che supportare, anche se è stato lui a supportare noi, l’opera consolatrice del nostro vescovo, papa Francesco». «Tutto è scoppiato improvvisamente – continua Giorgio – abbiamo dato supporto tecnico a tutti i parroci che hanno scelto di trasmettere le celebrazioni in streaming. Sono giorni in cui abbiamo toccato la difficoltà di tante persone, dunque abbiamo lavorato a contatto anche con la Caritas, ma sono tante anche le richieste di preghiera che sono arrivate da tutto il mondo. Ci hanno aiutato le monache agostiniane dei quattro Santi coronati: il loro monastero è stato il nostro “hub” per la preghiera».

«All’inizio siamo tutti rimasti interdetti da quello che stava succedendo – racconta don Stefano Cascio, parroco e comunicatore – tutti i programmi per la Quaresima venivano bloccati. Ma dopo una settimana ci siamo detti che dovevamo vivere questo tempo come un dono, una grazia: era un momento di deserto, che ci ha aiutato a vivere i tre pilastri che sono la carità, il digiuno e la preghiera. Carità aiutando gli anziani isolati dei nostri palazzi, il digiuno dall’Eucaristia è stata la riscoperta di qualcosa che era naturale ricevere, a volte superficialmente. La preghiera, infine: mai come in questo periodo si è riscoperta la preghiera in famiglia, la Chiesa domestica di cui si è sempre parlato ma che spesso non si è vissuta».

I tutorial WeCa continueranno ad essere dedicati all’emergenza Coronavirus per raccontare le esperienze positive su pastorale e nuove tecnologie di parrocchie, associazioni e ordini religiosi. Sono una proposta dell’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa) in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali della CEI e il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. Oltre alla diffusione tramite i social network e sul sito www.weca.it i tutorial vengono trasmessi sulle televisioni del circuito Corallo Sat, sono in podcast su Spotify e sui dispositivi Alexa.


Argomenti: Comunicazione
Tag: Associazione WeCa Coronavirus Diocesi Roma tutorial
Fonte: UCS