Placeholder image
WeCa #2: comunicare, non solo in presenza

Condividi:

“Ambienti digitali per comunicare oltre la presenza” è il titolo del tutorial WeCa in onda dalla mattina di mercoledì 14 ottobre sul sito www.webcattolici.it e su www.facebook.com/webcattolici.

Realizzato in collaborazione con l’Ufficio Nazionale per le Comunicazioni sociali della Cei, il tutorial, introdotto dal presidente WeCa Fabio Bolzetta e condotto da Alessandra Carenzio, si concentrerà sugli strumenti che diocesi, parrocchie, realtà associative e territoriali hanno utilizzato e utilizzano ancora oggi per comunicare in un ambiente digitale a distanza, oltre la presenza fisica.

«Si tratta, nella speranza in una rinnovata normalità – viene dichiarato nel tutorial – di sistemi che non sono alternativi alla comunicazione in presenza, ma che possono rappresentare un alleato utile e significativo per raggiungere tutti e ciascuno, per arricchire i momenti di lavoro, senza dimenticare di ragionare sulle competenze digitali e sulle implicazioni del digitale quando viene abitato nel quotidiano».

I tutorial WeCa sono una proposta dell’Associazione WebCattolici Italiani (WeCa) in sinergia con l’Ufficio nazionale per le Comunicazioni Sociali della Cei e il Centro di Ricerca sull’Educazione ai Media all’Informazione e alla Tecnologia (Cremit) dell’Università Cattolica di Milano. Oltre alla diffusione tramite i social network e sul sito www.weca.it, i tutorial vengono trasmessi sulle televisioni del circuito CoralloSat, sono in podcast su Spotify e sulla skill WeCa sui dispositivi Alexa. A breve in collaborazione con “Umbria Radio – InBlu” partirà la trasmissione “Linka!”, condotta da Sonia Montegiove e Andrea Canton, sui temi dei tutorial.

La novità principale di questa terza stagione dei Tutorial WeCa è la collaborazione con la PAMI, Pontificia Academia Mariana Internationalis: l’ultimo tutorial di ogni mese sarà dedicato alla figura di Maria in rapporto al mondo della comunicazione.


Argomenti: Comunicazione
Tag: Associazione WeCa Comunicazione digitale
Fonte: UCS