Sinodo2018. Trovare il povero anche in chi povero non appare
Sinodo2018. Trovare il povero anche in chi povero non appare

Condividi:

Ora so che posso essere missionaria anche qui dove vivo! Vorrei dire un’ultima cosa ai miei coetanei: quando non sapete che senso dare alla vostra vita o perché siete in questa terra così piena di contraddizioni, partite! Partite! Vi garantisco che ritroverete voi stessi e non solo! E, come dice il Santo Padre, non pensare mai che non hai niente da dare o che non hai bisogno di nessuno. Molta gente ha bisogno di te, pensaci. Ognuno di voi pensi nel suo cuore: molta gente ha bisogno di me!

Domani è un giorno molto importante per me! Tutta la Chiesa infatti si unisce in preghiera e richiesta di aiuto per sostenere le missioni nel mondo. Sì, ci sarà la Giornata missionaria mondiale celebrata all’interno del mese dedicato a noi giovani.

Papa Francesco, a tal proposito, ci ha lasciato un messaggio molto ricco che ci rappresenta in pieno e, per chi ha già fatto una piccola esperienza di missione come me, si possono ritrovare delle parole che descrivono molto bene l’identità del missionario: “Ogni uomo e donna è una missione e questa è la ragione per cui si trova a vivere sulla terra”.

Faccio un passo indietro. Sapete cos’era la missione per me? Prima di fare un’esperienza di vera missione, pensavo che quest’ultima consistesse innanzitutto nel dover dare qualcosa. Partii in seguito per un viaggio in Brasile con la mia Comunità. Lo feci senza molte aspettative, però dentro me c’era forte questa convinzione: parto per dare qualcosa agli ultimi, a chi non ha il necessario per vivere una vita dignitosa…

Ho colto che la missione sì, include un posto in cui vai a dare qualcosa, ma in realtà è una dimensione e un luogo in cui ricevi tantissimo. Ho sentito che ero dentro un sogno e un progetto molto più grande di quello che pensavo o immaginavo. È come se avessi contattato il mio cuore più in profondità e cogliessi la ragione per cui sono qui a vivere questa vita…

Però c’è qualcosa di più! È qualcosa di estremamente esperienziale, fatto di persone e non di concetti. Non c’è missione senza vere relazioni. Se penso infatti all’esperienza che ho fatto, mi vengono in mente tanti volti, tanti sorrisi. È stato questo per me: qualcosa che ho dato e molto che ho portato indietro.

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa nel mondo Giovani
Tag: giovani Sinodo2018
Fonte: SIR