Cappato e Dj Fabo, la Consulta rinvia e rilancia al Parlamento
Cappato e Dj Fabo, la Consulta rinvia e rilancia al Parlamento

Condividi:

Caso Dj Fabo, la Consulta decide di sospendere il processo a carico di Marco Cappato per il suicidio assistito che lo ha visto protagonista e di rinviare la trattazione della questione di costituzionalità dell’articolo 580 del codice penale tra un anno. L’udienza è stata fissata al 24 settembre 2019. Ma di fatto è un rinviare la palla al Parlamento. I giudici, infatti, chiedono un suo intervento per rivedere la disciplina in materia.

Nel comunicato della Consulta si legge: “Nella Camera di consiglio di oggi, la Corte costituzionale ha rilevato che l’attuale assetto normativo concernente il fine vita lascia prive di adeguata tutela determinate situazioni costituzionalmente meritevoli di protezione e da bilanciare con altri beni costituzionalmente rilevanti. Per consentire in primo luogo al Parlamento di intervenire con un’appropriata disciplina, la Corte ha deciso di rinviare la trattazione della questione di costituzionalità dell’articolo 580 codice penale all’udienza del 24 settembre 2019. La relativa ordinanza sarà depositata a breve. Resta ovviamente sospeso il processo a quo”.

Si tratta di uno squarcio della Consulta nel diritto penale italiano: il reato di cui all’articolo 580, che puniva sempre e comunque l’istigazione ma anche il semplice aiuto nel suicidio, “lascia prive di adeguata tutela determinate situazioni costituzionalmente meritevoli di protezione e da bilanciare con altri beni costituzionalmente rilevanti”. Per esempio, quella di Fabiano Antoniani, morto in una clinica svizzera che eroga il suicidio assistito con l’aiuto di Marco Cappato, il tesoriere dell’associazione radicale Luca Coscioni poi provocatoriamente autodenunciatosi ai Carabinieri di Milano.

Fatto sta che, su questo presupposto, la Corte ha invitato il Parlamento a legiferare entro un anno – evidentemente temperando il rigore della norma – e riaggiornando la trattazione sulla costituzionalità del “nuovo” articolo all’udienza pubblica del 24 settembre 2009.

Scienza & Vita: pericolosa deriva

Una prospettiva che secondo Alberto Gambino, prorettore dell’Università Europea di Roma e presidente di Scienza & Vita, presta il fianco a pericolose derive, prima tra tutte quella del collasso di un sistema giuridico – il nostro – che al centro mette la persona, e non la sua mera volontà.

“L’articolo 580 – afferma il docente di diritto privato esperto di tematiche bioetiche – era stato pensato per evitare che davanti a momenti di debolezza e fragilità umana autodistruttivi si trovassero complicità, rompendo appunto quel legame di solidarietà che dovrebbe spingerci a farci carico del problema e non a rimuoverlo, assecondando l’intento suicidiario”.

Diversamente da quanto affermato in aula dai legali di Cappato, Gambino resta fermamente convinto che “non è un articolo del codice penale a isolare i malati, ma piuttosto la riduzione di quest’ultimo a peso, a scarto”. E, poi, non si può certo dimenticare che l’Italia, con la recente legge sul fine vita, “aveva già indicato il bilanciamento tra il rispetto della vita e quello per le scelte individuali”. Una disciplina che la Corte, a pochi mesi dalla sua definizione legislativa, ha voluto stravolgere, e che per il docente “rischia di aprire una strada nuova e dirompente”.

Leggi anche l’approfondimento dell’Agenzia Sir

Leggi anche: Suicidio assistito. Cappato e la morte di dj Fabo, attesa per sentenza della Consulta

 


Continua a leggere

Argomenti: Bioetica
Tag: Dj Fabo Scienza e Vita
Fonte: Avvenire