Bergoglio e il discernimento, le radici dei documenti papali di oggi
Bergoglio e il discernimento, le radici dei documenti papali di oggi

Condividi:

Nei momenti di tribolazione non si discute, si discerne. Nelle situazioni più difficili e più complesse, il grande rischio è la confusione delle idee. «La confusione si annida nel cuore: è l’andirivieni dei diversi spiriti. La verità o la menzogna, in astratto, non sono oggetto di discernimento. Invece lo è la confusione». Lo scriveva l’allora padre gesuita Jorge Mario Bergoglio nel 1987, in una breve prefazione a otto lettere di due prepositi generali della Compagnia di Gesù (“Las cartas de la tribulación”, Buenos Aires, Diego de Torres, 1988).

Nel quaderno numero 4029, in distribuzione da domani, “La Civiltà Cattolica” ripropone quella prefazione ormai introvabile. Preziosa non solo come curiosità storica, ma per la sua rilevanza dal punto di vista delle radici culturali di Papa Francesco. Quando ci chiediamo da dove nascano le sue convinzioni a proposito del discernimento, è anche in testi come questo che dobbiamo andare a cercare.

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa nel mondo Cultura
Tag: Civiltà Cattolica Compagnia di Gesù Documenti Jorge Mario Bergoglio
Fonte: Avvenire