Il caso Alfie. Tra dubbi giuridici e la ricerca di nuove soluzioni
Il caso Alfie. Tra dubbi giuridici e la ricerca di nuove soluzioni
Stefano Zamagni

Condividi:

A due mesi ormai dalla morte del piccolo Alfie Evans, ora che il clamore e lo sdegno suscitati da quella tragica vicenda paiono placati, è opportuno fermarsi un istante a considerare quali insegnamenti e quali messaggi è possibile trarne. I fatti sono arcinoti. La malattia neurodegenerativa che aveva colpito fin dalla nascita il ‘piccolo gladiatore’ non lasciava speranza alcuna. Si sapeva altresì che, per interessamento di papa Francesco e del Governo italiano allora guidato da Paolo Gentiloni, l’Ospedale pediatrico Bambino Gesù di Roma si era offerto di accogliere, fin dall’estate 2017 (e non già negli ultimi giorni, come pure è stato scritto), il piccolo Alfie per assicurargli, a spese proprie, quanto necessario per tenerlo in vita, secondo la volontà esplicitamente espressa dai genitori. Eppure, la magistratura inglese, su richiesta e sollecitazione dei medici dell’Alder Hey Children’s Hospital di Liverpool, ha deciso – e infine attuato tale decisione – di staccare la spina del ventilatore meccanico: dopo cinque giorni Alfie ha lasciato questo mondo. Come darsi conto di quanto accaduto? Tre punti specifici meritano attenzione.

Continua a leggere

Argomenti: Bioetica
Tag: Alfie Evans Eutanasia Liverpool Ospedale Bambino Gesù Stefano Zamagni
Fonte: Avvenire