Dismissione chiese. In arrivo linee guida: importante non perdere la natura del sacro
Dismissione chiese. In arrivo linee guida: importante non perdere la natura del sacro

Condividi:

A Praga una chiesa trasformata in night club; un’altra a Maastricht diventata birreria con il tavolo a forma di croce al posto dell’altare; nella periferia di Londra una ex chiesa presbiteriana è oggi un pub. A Venezia una chiesa, già appartenuta ad un ordine religioso, è un cocktail bar. Ma esistono anche ex chiese trasformate in palestre e centri benessere, locations per sfilate di moda oppure in moschee come a Palermo. Casi limite? Forse, ma la dismissione dei luoghi di culto e il loro riutilizzo pongono non poche sfide. Un fenomeno in continua espansione, in particolare in Europa, Usa, Canada e Oceania, trasversale alla Chiesa cattolica e a quelle protestanti. Costi di gestione e manutenzione di beni mobili e immobili in aumento, calo dei sacerdoti, fuga dei fedeli, le cause. Non esistono ad oggi statistiche perché non è stata ancora compiuta un’indagine sistematica, né le Conferenze episcopali posseggono dati, noti piuttosto alle singole diocesi. Quello che però emerge è la necessità di una programmazione a lungo termine, che coinvolga anche le comunità locali, e della ricerca di un’intesa con le autorità civili per la pianificazione delle dismissioni. Per affrontare il tema nella sua complessità, senza trascurarne gli aspetti pastorali, in occasione dell’Anno europeo del patrimonio culturale 2018 il Pontificio Consiglio della cultura – Dipartimento per i beni culturali, la Conferenza episcopale italianaUfficio nazionale per i beni culturali ecclesiastici e l’edilizia di culto, la Pontificia Università GregorianaFacoltà di storia e beni culturali della Chiesa – Dipartimento dei beni culturali della Chiesa, promuovono il 29 e 30 novembre presso l’Ateneo dei gesuiti il convegno internazionale “Dio non abita più qui? Dismissione di luoghi di culto e gestione integrata dei beni culturali ecclesiastici”. (di Giovanna Pasqualin Traversa)

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa in Italia