C’è il «miracolo»: sarà Sandra la prima fidanzata beata?
C’è il «miracolo»: sarà Sandra la prima fidanzata beata?

Condividi:

“Mi fecero fare una colonscopia e scoprirono un tumore intestinale. Da lì mi diedero 6 mesi, massimo un anno di vita. La sera prima dell’operazione mi si materializza don Oreste nel corridoio dell’ospedale, col suo sorriso disarmante, col suo modo di parlare. A un certo punto lui mi dice io ti affido a Sandra e ho chiesto a tutta la comunità di pregare Sandra per la tua guarigione”. Così Stefano Vitali racconta ai microfoni del Tg2000, il telegiornale di Tv2000, la sua storia: dal male inguaribile alla inspiegabile guarigione avvenuta oltre 10 anni fa. Stefano fu il primo segretario di Don Oreste Benzi nella Comunità Papa Giovanni XXIII. La sua guarigione potrebbe essere il primo miracolo attribuito a Sandra Sabattini che Papa Francesco lo scorso 6 marzo ha riconosciuto come venerabile. Sandra Sabattini potrebbe diventare la prima ‘santa fidanzata’ nella storia della Chiesa. Il 29 aprile del 1984 mentre stava andando a un incontro della Comunità Papa Giovanni XXIII, a soli 23 anni, Sandra perde la vita in un incidente stradale. Don Benzi la conosceva bene. Lei aveva appena 12 anni quando le loro vite si incrociarono. Sandra viveva nella canonica della parrocchia dello zio prete a Rimini e spesso la trovavano di notte o all’alba a pregare davanti al Santissimo seduta per terra, in segno di profondo rispetto. La sete di Dio e di giustizia sono i due binari nella vita di Sandra, studentessa in medicina che si è tanto spesa per i tossicodipendenti e i disabili. Cinque anni prima dell’incidente Sandra era fidanzata con Guido Rossi da qui l’esclamazione di don Benzi: “Nella Chiesa ci sono genitori santi e anche sposi santi. Ma non sarebbe bello avere anche una fidanzata santa?”. Concluso il processo diocesano, avviato dallo stesso don Oreste, manca il via libera della commissione medica vaticana che sta indagando sulla guarigione di Stefano Vitali per stabilire se sia davvero inspiegabile.

Continua a leggere

Argomenti: Storie