Il metodo Rondine per la risoluzione dei conflitti. Vaccari: “Vogliamo renderlo universale”
Il metodo Rondine per la risoluzione dei conflitti. Vaccari: “Vogliamo renderlo universale”

Condividi:

“Uscire dall’inganno avvelenato da una cultura falsa che alimenta l’idea del nemico” per superare i conflitti e costruire relazioni capaci di favorire sviluppo e pace. È l’esperienza che i giovani provenienti da zone di conflitto – dal Medio Oriente al Caucaso, dall’Africa sub-sahariana all’India, fino ai Balcani e all’America – vivono a Rondine, nella Cittadella della Pace di Arezzo, e che ora diventa un “metodo”, codificato e riconosciuto a livello accademico, pronto per essere condiviso e applicato in diversi contesti. Occorre “uscire dai veleni dell’inimicizia che incubano ovunque”, ribadisce Franco Vaccari, presidente di Rondine, a margine della presentazione alla Camera dei Deputati del Rapporto Annuo 2017 e della ricerca “Studio e divulgazione del metodo Rondine per la trasformazione creativa dei conflitti”, realizzata dalle Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano e Università degli Studi di Padova con il contributo di Fondazione Vodafone Italia.

Continua a leggere

Argomenti: Associazioni e Movimenti Chiesa in Italia Mappamondo
Tag: Cittadella della Pace Franco Vaccari Rondine
Fonte: SIR