Lotta agli abusi. Il Papa ha incontrato i vescovi Usa
Lotta agli abusi. Il Papa ha incontrato i vescovi Usa

Condividi:

Si è tenuto in Vaticano l’incontro fra papa Francesco e i vertici dei vescovi americani. Era stato il presidente della Conferenza episcopale statunitense, cardinale Daniel DiNardo, a chiedere due volte nell’ultimo mese un’udienza papale per poter discutere della nuova ondata di accuse di abusi sessuali da parte del clero che hanno investito la Chiesa americana questa estate. Il Pontefice ha incontrato a mezzogiorno nel Palazzo Apostolico oltre al cardinale DiNardo, arcivescovo di Galveston-Houston e leader della Conferenza dei vescovi Usa, anche il cardinale Sean Patrick O’Malley, arcivescovo di Boston e presidente della Pontificia Commissione per la Tutela dei minori, Jose Horacio Gomez, arcivescovo di Los Angeles e vicepresidente della Conferenza episcopale e monsignor Brian Bransfield, segretario generale.

Due settimane fa, DiNardo in un comunicato aveva chiesto «risposte conclusive e basate su prove» alle domande sollevate dall’ex nunzio Carlo Maria Viganò e si era detto «fiducioso» del fatto che il Papa condivida «il desiderio di maggiore efficacia e trasparenza soprattutto nei procedimenti disciplinari verso i vescovi ».

Come noto, in proposito il C9 lunedì scorso ha annunciato la pubblicazione degli eventuali «necessari chiarimenti», anticipando la convocazione, annunciata mercoledì, dei presidenti degli episcopati di tutto il mondo a febbraio, in Vaticano. Un vertice che si collega direttamente alla crisi che sta investendo la Chiesa statunitense.

La Conferenza episcopale degli Usa è alle prese con una nuova serie di inchieste apertesi in vari Stati americani sugli abusi ai danni di minori.

Mercoledì 12 settembre il Kentucky si è aggiunto alla lista, facendo sapere di voler convocare un Gran giurì che indaghi sulle accuse di molestie da parte del clero cattolico e su possibili azioni intraprese per proteggere i responsabili dalla giustizia. Nel 2004 tre ex chierichetti del Kentucky vittime di molestie avevano fatto causa alla Santa Sede sostenendo che il Papa era responsabile degli abusi perché preti e vescovi in tutto il mondo erano “dipendenti” del Papa. Un principio respinto finora dai tribunali americani. La causa era rientrata sei anni dopo quando le vittime avevano ritirato la denuncia.

Continua a leggere

Argomenti: Santa Sede