Droga e alcol, risposte rapide dove i Comuni fanno vera rete
Droga e alcol, risposte rapide dove i Comuni fanno vera rete

Condividi:

L’hanno chiamato «Progetto scudo» perché i ragazzi sono ormai senza protezione, quando invece ne hanno più che mai bisogno. Le famiglie scoprono l’abuso di sostanze nei propri figli con cinque anni di ritardo, e chiedono aiuto dopo altri due. In sette anni la vita di un adolescente è già stata asfaltata, senza che nessuno s’accorgesse come, quando e perché. A furia di parlare di “interventi precoci”, troppi anni sono passati senza che nel nostro Paese si facesse nulla di concreto, sul fronte della lotta alle dipendenze.

Ai fatti ha deciso di passare prima dell’estate Enrico Coppola, presidente dell’Associazione genitori antidroga (Aga), convincendo 7 Comuni della Bergamasca ad appoggiare un’iniziativa che ha dello straordinario non solo per l’età del campione sperimentale cui si rivolge (ragazzini di 12/13 anni), ma soprattutto per il suo nocciolo operativo: sottoporre volontariamente all’esame del capello chi entra in classe, e per tutto l’arco delle superiori.

Continua a leggere

Argomenti: Dipendenze Giovani
Tag: alcol droga famiglia giovani oratori scuola
Fonte: Avvenire