Antisemitismo. Allarme Onu: +38% di atti “di odio” in un anno
Antisemitismo. Allarme Onu: +38% di atti “di odio” in un anno

Condividi:

È stato definito storico e al contempo allarmante il rapporto sull’antisemitismo presentato da Ahmed Shaheed, relatore speciale delle Nazioni Unite per la libertà religiosa e di credo. Ospitato dalla missione di Svezia all’Onu, a fianco di Daniel Radomski, responsabile dei programmi strategici del Consiglio mondiale ebraico, Shaheed ha tracciato un quadro allarmante delle minacce e delle manifestazioni d’odio che hanno per oggetto le minoranze e in particolare gli ebrei. A un anno dalla sparatoria nella sinagoga di Pittsburg dove morirono 11 ebrei e altri 7 furono feriti, gli Usa, ma non solo, si interrogano sui rigurgiti di antisemitismo che emergono in maniera inattesa e minacciosa in varie parti del mondo.

“Gli atti antisemiti sono cresciuti del 38% in un anno appena e questo sia on line che nella vita reale”, ha spiegato il relatore dell’Onu, evidenziando i legami con i crimini d’odio, principale nutrimento della destra estrema, dei suprematisti bianchi, dei neonazisti, dei movimenti islamici radicali. “Questi gruppi non hanno in comune nessuna base ideologica, ma sono tutti unanimi nell’esprimere disprezzo verso gli ebrei”, ha continuato Shaheed, spiegando che il problema va monitorato con attenzione non solo in Europa, dove sono ripetuti gli atti di intolleranza (l’ultimo alla sinagoga di Halle in Germania), ma a livello globale.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: antisemitismo Onu
Fonte: SIR