Accompagnare, ascoltare, annunciare: l’impegno delle religiose per un carcere dal volto umano
Accompagnare, ascoltare, annunciare: l’impegno delle religiose per un carcere dal volto umano

Condividi:

Sabato 16 e domenica 17 novembre a Roma l’Usmi – Unione superiore maggiori d’Italia – organizza presso la propria sede (via Zanardelli, 32) un’iniziativa rivolta a tutte le consacrate che operano nella Pastorale carceraria: “Donne consacrate e carcere: chiamate ad annunciare il Vangelo oggi… dietro e oltre le sbarre”. Fra gli altri sono previsti gli interventi di Silvia Landra (che tratterà il tema “Ascoltare, annunciare, condividere la Buona Novella in carcere”) e di Agnese Moro (che si soffermerà sulla “La mediazione riconciliativa quale strumento per una nuova Giustizia penale”). Domenica 17 la messa sarà celebrata da monsignor Carlo Roberto Maria Redaelli, arcivescovo di Gorizia e presidente della Caritas italiana.
Suor Annuccia Maestroni è la referente nazionale delle religiose che operano nelle carceri italiane e insieme a lei abbiamo fatto il punto della situazione sul loro servizio, nonché sulle difficoltà (e sulle carenze) del sistema penitenziario italiano.

Continua a leggere

Argomenti: Giustizia
Tag: #suore carceri
Fonte: SIR