Il Cile cerca una via d’uscita. Gaviria: “Nuovo patto sociale e provvedimenti strutturali“
Il Cile cerca una via d’uscita. Gaviria: “Nuovo patto sociale e provvedimenti strutturali“

Condividi:

Dopo quasi un mese di proteste popolari, tentativi di dialogo, ma anche di barricate, assalti a chiese e violenza gratuita, il Cile cerca una via d’uscita. Ma fatica a trovarla. Le vicende degli ultimi giorni e delle ultime ore amplificano queste difficoltà: scioperi massicci e gesti violenti in varie città, soprattutto con roghi, barricate, atti di vandalismo e saccheggi. Diverse chiese sono state attaccate, incendiate o profanate, a Santiago, Talca, Valdivia. Continua a covare il malessere nei confronti della politica, ma anche la stanchezza verso una violenza cieca a gratuita. Il presidente Sebastian Piñera ha parlato ha annunciato il rafforzamento della presenza di carabinieri e forze dell’ordine, pure senza reintrodurre stato d’emergenza e coprifuoco.

“Per amore della nostra patria, basta violenza!”, questo l’invito accorato dei vescovi cileni, riuniti in questi giorni in assemblea. “Di fronte alle denunce di violazioni dei diritti umani, vittime, feriti, atti di vandalismo, saccheggi, distruzione di infrastrutture pubbliche e private – si legge nel messaggio letto dal presidente della Conferenza episcopale (Cech), mons. Santiago Silva Retamales – chiediamo con forza e insistenza che cessi ogni tipo di violenza, da qualunque luogo provenga”. Per i vescovi, “il Cile non può aspettare! Dobbiamo tutti fare del nostro meglio per abbattere i muri che ci separano e costruire i ponti che ci consentono di incontrare e costruire un patto sociale che ci condurrà a un futuro con più giustizia, con pace e dignità, dove nessuno si senta escluso dallo sviluppo umano integrale”. In questo clima, la politica procede a tentoni e pare nelle ultime ore, per scelta del presidente Sebastian Piñera, ascoltare le richieste dell’opposizione e gettare il cuore oltre l’ostacolo e indirizzarsi, forse per disperazione, verso una scelta senza dubbio impegnativa: quella di dare vita a una nuova Costituzione, da elaborare attraverso un’apposita Assemblea costituente e da ratificare con un plebiscito.


Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Cile proteste vescovi
Fonte: SIR