Terremoto in Toscana. Card. Betori: “Vicini alle persone sfollate in Mugello. In oltre 400 hanno lasciato le case”
Terremoto in Toscana. Card. Betori: “Vicini alle persone sfollate in Mugello. In oltre 400 hanno lasciato le case”

Condividi:

Prosegue l’attività sismica nel Mugello, con uno sciame finora risultato di modesta entità. “È comunque probabile che il numero delle circa 420 persone che hanno usufruito delle strutture di accoglienza allestite nella palestra di Barberino, presso l’autodromo, nelle scuole di Galliano e San Piero, e a Borgo San Lorenzo, possa confermarsi e anche crescere”. È quanto si legge in una nota della Regione Toscana, emanata al termine della riunione che si è tenuta in tarda mattinata al Coc di Barberino per fare il punto sulla attuazione degli interventi di verifica e soccorso attivati dopo il terremoto di magnitudo 4.5 della scorsa notte. Al tavolo erano presenti, oltre ai responsabili della protezione civile regionale, i rappresentanti dei comuni, della Soprintendenza, dei vigili del fuoco, del volontariato e del Cross di Pistoia, la struttura di gestione delle emergenze del Sistema sanitario regionale.

Sul disagio delle persone sfollate interviene l’arcivescovo di Firenze, card. Giuseppe Betori, che sta continuando a tenersi costantemente aggiornato, dopo la visita di ieri nelle zone colpite, con le istituzioni, la prefettura e la protezione civile. “Rispetto a ieri mi arrivano notizie di un numero sempre più crescente di persone che anche questa notte non rientreranno nelle loro case. Sono vicino a loro e a tutta la popolazione – dice al Sir -, immagino il disagio e la paura che continuano ad avere soprattutto con l’avvicinarsi della notte.

Continua a leggere

Argomenti: Politica/Interni
Tag: #Terremoto Card. Giuseppe Betori Toscana
Fonte: SIR