Giornata della disabilità. Suor Donatello: è l’ora dell’inclusione
Giornata della disabilità. Suor Donatello: è l’ora dell’inclusione

Condividi:

Più di un miliardo di persone vive nel mondo con qualche forma di disabilità, circa il 15% della popolazione. Un trend in ascesa rispetto al passato: negli anni Settanta questa stima era infatti intorno al 10%. Per loro l’Onu ha proclamato nel 1981 la Giornata internazionale delle persone con disabilità, che cade ogni 3 dicembre, con lo scopo in particolare di promuovere i diritti e il benessere dei disabili. Anche nel nostro Paese per l’occasione sono state organizzate da Nord a Sud iniziative, progetti, mostre, fiaccolate. Caritas Italiana ha pubblicato online il suo 53° Dossier con dati e testimonianze dal titolo “Prendersi cura. Inclusione, il vero bisogno speciale”. E sempre all’inclusione – stavolta quella lavorativa – è dedicato il rapporto che sarà illustrato oggi pomeriggio al ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali. Si svolgerà invece alla presenza del capo dello Stato, Sergio Mattarella, la presentazione del rapporto Istat sulla condizione dei disabili nel Paese, organizzata assieme al Comitato Italiano Paralimpico e a Inail.

Tanti e diversi sono i modi di concepire la “disabilità”. Nella Giornata internazionale, Suor Veronica Amata Donatello ricorda che per la Chiesa «la persona con disabilità è piuttosto una ricchezza unica, originale e indispensabile di un tessuto sociale che abbia in sé la profezia di guardare orizzonti lontani». Religiosa abruzzese, appartenente alla Congregazione delle Suore Francescane Alcantarine, dopo essere stata la responsabile del Settore per la catechesi delle persone disabili dell’Ufficio Catechistico nazionale della Cei, è stata nominata responsabile del neo costituito Servizio nazionale per la pastorale delle persone con disabilità. È la prima suora a dirigere uno degli Uffici Cei.

Continua a leggere

Argomenti: Società
Tag: disabilità inclusione Veronica Donatello
Fonte: Avvenire