Pakistan: “Non mattoni ma libri”. Con padre Edward tra i bambini strappati al lavoro nelle fornaci
Pakistan: “Non mattoni ma libri”. Con padre Edward tra i bambini strappati al lavoro nelle fornaci

Condividi:

(da Lahore) “Non mattoni ma libri”: è il motto di padre Edward Thurai Singham, oblato di Maria Immacolata, originario dello Sri Lanka, 74 anni di età, più della metà passati come missionario in Pakistan.

Lo ripete con forza accennando a un sorriso. Forse per il ricordo delle decine di bambini e bambine che in questi anni ha aiutato a studiare strappandoli dalle fornaci dove erano costretti, causa la povertà della famiglia, a lavorare per produrre mattoni. Siamo alla periferia nord di Lahore, dopo Karachi la seconda città del Pakistan, capitale della regione del Punjab, e grande centro universitario e culturale. Si arriva a Kot Haj, nella zona di Shahdara, dopo aver percorso molti chilometri, lasciandosi dietro il comodo asfalto del centro città per muoversi su strade sterrate, sconnesse, invase da liquami, fango e rifiuti. Tutto intorno case fatiscenti, prive dei servizi essenziali, ma abitate da tante persone.

La scuola di padre Edward. È qui che ogni giorno padre Edward viene per visitare la sua piccola scuola frequentata da circa 60 alunni, cristiani e musulmani, tutti di età compresa tra i 4 e i 15 anni. Le divise scolastiche, ingentilite da una camicia bianca a righine rosa e cravattina nera, stonano con la povertà circostante ma rendono orgogliosi gli studenti che fanno festa appena vedono padre Edward arrivare. Mostrano il segno della vittoria, nei loro occhi la gioia di chi sente di aver vinto il primo round della vita per avere qualcuno che insegna loro a leggere e a scrivere. Sulle panche gli zainetti con i libri di scuola e i quaderni. Non ci sono banchi per tutti ma non importa. In un Paese dove gli analfabeti sono il 50%, l’istruzione è il vero lasciapassare per una vita migliore e l’unico antidoto ad una povertà strutturale che non ti lascia scampo, specialmente se sei un cristiano. Così lavorare nelle fornaci a fabbricare mattoni è l’unico modo per portare un po’ di cibo a casa.

Dodici ore di lavoro al giorno per meno di 5 euro. Non basta lavorare 12 ore al giorno per tirare su le rupie sufficienti a vivere, quindi si arruolano mogli e figli, anche di tenera età. Una rupia per un mattone, questo il prezzo del duro lavoro che non conosce riposo e che non bada al clima e alle stagioni. Afef ha 13 anni e lavora con il padre Akash alla fornace. “A scuola vado quando posso. Oggi c’è tanto lavoro”

racconta il giovane mentre, in ginocchio, modella con le mani la creta che poi mette nella forma del mattone. Il padre lo osserva senza dire nulla. Il figlio ha oramai imparato l’arte. Altri bambini, molto più piccoli, sono intorno ad Afef e guardano. Per ora è solo un gioco, ma presto toccherà anche a loro sporcarsi le mani di creta. È sarà un lavoro. Servono 800 mattoni al giorno per racimolare l’equivalente di 5 euro. Il minimo per mangiare e magari per offrire una bibita ad un ospite inatteso da queste parti.

 

Continua a leggere

Argomenti: Cultura
Tag: reportage
Fonte: SIR