Migranti. 5 sbarchi in due giorni ma ci sono 41 dispersi e nessuno li cerca
Migranti. 5 sbarchi in due giorni ma ci sono 41 dispersi e nessuno li cerca

Condividi:

(Nello Scavo) Cinque sbarchi in due giorni. Nessun porto chiuso. Mentre 41 migranti sono dispersi senza che la Libia abbia mosso una sola motovedetta per avviare ricerche che neanche le unità di soccorso dell’Ue stanno compiendo. Succede nel Mediterraneo, dove da giorni non c’è più una sola nave umanitaria. Ma questo non arresta le partenze.

Ma nel Mediterraneo si muore ancora. Se nessuna notizia si ha di un gommone avvistato sabato con 41 persone a Nord delle coste libiche, ariva la conferma che tre donne e un bambino sono annegati nel naufragio di una barca su cui viaggiavano al largo della costa della Turchia. Lo ha fatto sapere la guardia costiera turca, precisando che 11 persone sono state portate in salvo a circa 1,7 miglia nautiche da Canakkale. Secondo l’agenzia di stampa Anadolu, i migranti provengono da Afghanistan e Iran. nel Mediterraneo centrale a preoccupare resta la sorte delle 41 persone citate in un allarme lanciato dalla Guardia costiera di Malta sabato scorso. Da La Valletta non arrivano delucidazioni. Un numero così preciso di persone a bordo indica che chi ha compiuto l’avvistamento (probabilmente un aereo militare) ha potuto contare le persone nel gommone. Negli ultimi giorni, infatti, sulla Libia stanno volando numerosi velivoli militari, alcuni appartenenti a servizi di intelligence europei. Diverse ambasciate occidentali dalla capitale libica hanno diramato messaggi di allerta, a causa di possibili attacchi su vasta scala. Il viavai aereo, però, non è destinato al soccorso dei migranti. Il gruppo segnalato dalla centrale marittima maltese sarebbe partito da Sabratha, ma di essi si sono perse le tracce. Nessun mercantile di passaggio ne ha segnalato la presenza e la cosiddetta Guardia costiera libica, che non risulta essere intervenuta in zona, tace. Due giorni dopo l’avvistamento, il portavoce dell’Organizzazione internazionale dei migranti Falvio Di Giacomo, si definisce «estremamente preoccupato per il destino di 41 migranti che hanno lasciato Sabratha». E aggiunge: «Non sono stati salvati dalla guardia costiera libica e non ci sono informazioni su operazioni di salvataggio effettuate altrove. E urgente salvare queste persone in mare».

Continua a leggere

Argomenti: Migranti
Tag: Lampedusa Libia sbarchi
Fonte: Avvenire