Papa Francesco: “La pace è possibile in Sud Sudan”
Papa Francesco: “La pace è possibile in Sud Sudan”
di M. Michela Nicholais

Condividi:

“La pace è il primo dono che il Signore ci ha portato ed è il primo compito che i capi delle nazioni devono perseguire: essa è la condizione fondamentale per il rispetto dei diritti di ogni uomo nonché per lo sviluppo integrale dell’intero popolo”. Lo ha detto il Papa, nel discorso pronunciato a conclusione del ritiro spirituale per i leader del Sud Sudan, conclusosi oggi a Casa Santa Marta e al quale hanno partecipato le autorità civili e spirituali del Paese africano precipitato nel 2013 in una sanguinosa guerra civile, con un bilancio di almeno 400mila morti. “Pace”, la parola chiave del discorso, a partire dalle parole pronunciate da Gesù Risorto – “Pace a voi” – indirizzate ai presenti e a tutto il popolo sud sudanese, “molto provato per le conseguenze dei conflitti”.

Il gemito dei poveri. “Il gemito dei poveri che hanno fame e sete di giustizia ci obbliga in coscienza e ci impegna nel nostro servizio”, la tesi del Papa, che ha esortato i leader presenti ad ascoltare il “desiderio ardente di giustizia, di riconciliazione e di pace” che si leva dal loro popolo, dalle persone “che hanno perso i loro cari e le loro case”, dalle famiglie “che si sono separate e mai più ritrovate”, dai bambini e dagli anziani, dalle donne e dagli uomini “che soffrono terribilmente a causa dei conflitti e delle violenze che hanno seminato morte, fame, dolore e pianto”. “A queste anime sofferenti – rivela Francesco – penso incessantemente e imploro che il fuoco della guerra si spenga una volta per sempre, che possano tornare nelle loro case e vivere in serenità. Supplico Dio onnipotente che la pace venga nella vostra terra, e mi rivolgo anche agli uomini di buona volontà affinché la pace venga nel vostro popolo”.

Artigiani di pace. “La pace è possibile. Non mi stancherò mai di ripetere che la pace è possibile!”, esclama ancora una volta il Papa, esortando i presenti ad essere “artigiani di pace, in uno spirito di fraternità e solidarietà con ogni membro del nostro popolo, uno spirito nobile, retto, fermo e coraggioso nella ricerca della pace, tramite il dialogo, il negoziato e il perdono”. “Cercare ciò che vi unisce, a partire dall’appartenenza allo stesso popolo, e superare tutto ciò che vi divide”, l’invito: “La gente è stanca ed esausta ormai per le guerre passate: ricordatevi che con la guerra si perde tutto! La vostra gente oggi brama un futuro migliore, che passa attraverso la riconciliazione e la pace”.

Continua a leggere

Argomenti: Santa Sede
Tag: Sud Sudan
Fonte: SIR