Corridoi umanitari: arrivati a Fiumicino 77 profughi siriani dal Libano
Corridoi umanitari: arrivati a Fiumicino 77 profughi siriani dal Libano

Condividi:

Sono entrati cantando in italiano “Viva viva Italia, viva viva pace”. Due ragazzini con disabilità in sedia a ruote, i  bambini piccoli che reggevano lo striscione “Benvenuti in Italia”, scritto anche in arabo. Dietro i loro genitori. Stavolta sono 77 i  profughi siriani, tra cui una trentina di bambini, giunti  dal Libano all’aeroporto di Fiumicino tramite i corridoi umanitari promossi dalla Comunità di Sant’Egidio, Fcei (Federazione Chiese evangeliche italiane) e Tavola Valdese, in accordo con i Ministeri degli interni e degli esteri. Da febbraio 2016 ad oggi circa 2.100 profughi sono già arrivati in Italia con questa modalità, di cui oltre 1.600 dal Libano e altri 500 dall’Etiopia. 500 sono andati invece in Francia, Belgio e Andorra. Le persone vengono accolte da associazioni, gruppi di famiglie, parrocchie e comunità in diverse regioni italiane. Per gli adulti è previsto l’apprendimento della lingua italiana e l’inserimento lavorativo. I bambini vanno a scuola. Le famiglie arrivate tra ieri e oggi andranno a Cittadella (Padova), Milano, Roma, Rimini, Gonzaga (Mantova), Bari. A fronte del clima di festa per questo nuovo arrivo,  aleggia un sottofondo di tristezza per il destino drammatico di tante altre persone migranti: la foto scioccante del papà e della bimba morti annegati nel Rio Grande, nel tentativo di oltrepassare la frontiera tra Messico e Stati Uniti; la penosa vicenda della nave Sea-Watch 3, ora ferma nel porto di Lampedusa, costretta da 15 giorni a tenere a bordo 42 persone, alle quali non viene concesso di sbarcare. Tutto ciò mentre, nelle stesse ore, almeno 300 altri migranti sono arrivati per conto proprio a Lampedusa.

Continua a leggere

Argomenti: Migranti
Tag: Chiese Evangeliche in Italia Comunità di Sant'Egidio corridoi umanitari Libano profughi Siria Tavola Valdese
Fonte: SIR