Terremoto: Mattarella ad Amatrice. Intervista a mons. Pompili
Terremoto: Mattarella ad Amatrice. Intervista a mons. Pompili

Condividi:

Questa mattina alle 10 il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, parteciperà all’inaugurazione del campus “Romolo Capranica” di Amatrice, presenziando alla cerimonia di fine anno degli oltre 300 studenti che già da settembre scorso fanno lezione in un’ala completata del polo didattico di 12mila metri quadri. Il Polo nella frazione di San Cipriano, completamente antisismico e privo di barriere architettoniche, ospita i ragazzi da 3 a 19 anni comprendendo la scuola materna con annessa ludoteca, la scuola primaria e secondaria di primo grado e il liceo scientifico sportivo internazionale con il Convitto in cui vivono da un anno 30 giovani. L’intera struttura è costata circa 10 milioni di euro, con il concorso di un contributo di 7 milioni di dollari donato dalla Ferrari, progetto voluto da Sergio Marchionne.

Ricostruzione «quasi a zero o poco più», una popolazione ormai «stanca e disincantata» per le troppe promesse non mantenute. E la «grande pecca della classe politica che in questi anni ha dimostrato di non saper lavorare in maniera prospettica». Parla alla vigilia dell’arrivo del capo dello Stato ad Amatrice il vescovo di Rieti Domenico Pompili per spiegare come la «vicenda del terremoto debba diventare una questione superpartes, deve chiamare in causa tutti e non deve essere motivo di scontro o peggio ancora di scambio politico elettorale».


Continua a leggere

Argomenti: Società
Tag: #Terremoto Amatrice Domenico Pompili ricostruzione Sergio Mattarella
Fonte: Avvenire