Borsellino. La proposta di don Scordato: “Sia riconosciuto martire a causa della giustizia”
Borsellino. La proposta di don Scordato: “Sia riconosciuto martire a causa della giustizia”

Condividi:

“Paolo Borsellino martire a causa della giustizia”. Don Cosimo Scordato, rettore nella chiesa di San Francesco Saverio, a Palermo, celebrerà oggi pomeriggio una messa durante la quale verrà ricordato il magistrato ucciso dalla mafia assieme alla sua scorta in via d’Amelio, 27 anni fa. Lo farà alla presenza della famiglia Borsellino, come lo scorso anno, quando una nipotina del magistrato lesse una lettera al nonno che non ha conosciuto. Quest’anno, don Cosimo presenterà nell’omelia “il profilo di Paolo Borsellino come quello di una persona che è stata capace di affrontare anche il rischio di un martirio a causa della giustizia”. E sostiene che “ci sarebbero gli estremi per considerarlo martire nel senso evangelico”.

“Anche perché lui era un credente, una persona praticante dal punto di vista ecclesiale – dice al Sir don Scordato -. Frequentava la chiesa, partecipava alle celebrazioni. Era una persona unitaria nella sua concezione di vita. Viveva il suo lavoro e il suo impegno istituzionale con la sua identità cristiana”.


Continua a leggere

Argomenti: Società
Tag: antimafia cultura mafia Paolo Borsellino
Fonte: SIR