Usa. Riprendono le esecuzioni federali. Gli analisti: mossa elettorale di Trump
Usa. Riprendono le esecuzioni federali. Gli analisti: mossa elettorale di Trump

Condividi:

L’amministrazione Trump ha annunciato ieri la ripresa delle esecuzioni capitali di persone condannate da tribunali federalidopo una moratoria durata 16 anni. In un comunicato, il dipartimento della Giustizia ha riferito che il titolare del Dipartimento stesso, William Barr, ha chiesto di programmare le esecuzioni di cinque detenuti condannati per omicidio in una prigione federale dell’Indiana. La prima esecuzione è fissata per il 9 dicembre. «Il Congresso ha espressamente autorizzato la pena di morte attraverso la legislazione adottata dai rappresentanti del popolo in entrambe le camere del Congresso e firmata dal presidente», ha detto Barr. «Il dipartimento di Giustizia sostiene lo stato di diritto e dobbiamo alle vittime e alle loro famiglie l’esecuzione delle sentenze imposte dal nostro sistema giudiziario».

La decisione avrà effetto solamente sul sistema di giustizia federale, poiché gli Stati Usa decidono autonomamente se adottare la pena di morte. Sebbene l’ultima condanna a morte nel sistema di giustizia federale sia stata eseguita nel 2003, la magistratura federale ha continuato a chiedere condanne alla pena capitale. Il dipartimento della Giustizia ha adottato un nuovo protocollo di iniezione letale: si passerà dall’iniezione di tre farmaci all’utilizzo del solo Pentobarbital, conseguenza del fatto che molti Stati hanno avuto problemi a reperire tutti i farmaci richiesti.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Donald Trump pena di morte Usa
Fonte: Avvenire