“Dalle mafie ai cittadini”. L’inchiesta di Mira e Turrisi sui beni confiscati alle mafie
“Dalle mafie ai cittadini”. L’inchiesta di Mira e Turrisi sui beni confiscati alle mafie

Condividi:

Un cementificio sottratto a Cosa Nostra e governato dagli operai, la Calcestruzzi Ericina, capace di reggersi sul mercato in maniera concorrenziale, nel Trapanese. La villa del boss Inzerillo nel Palermitano, un tempo raduno per summit mafiosi e ora campo base degli scout siciliani e internazionali. Un caseificio di successo per la mozzarella di bufala a Castel Volturno nel Casertano, intestato a don Peppe Diana, il prete ucciso dalla camorra. Sono oltre 23mila i beni confiscati alle mafie in Italia, 14mila sono assegnati ai comuni. Li raccontano per la prima volta in un reportage letterario, dalle mafie ai cittadini, edito da San Paolo, i giornalisti del quotidiano Avvenire Toni Mira e Alessandra Turrisi.

Continua a leggere

Argomenti: Società
Tag: Avvenire legalità mafie
Fonte: TV2000