Ucraini in Italia. Mons. Dionisio Lachovicz: “Vi racconto cosa è la Sindrome Italia”
Ucraini in Italia. Mons. Dionisio Lachovicz: “Vi racconto cosa è la Sindrome Italia”

Condividi:

“Siamo fratelli. Abbiamo lo stesso Cristo, la stessa fede. Abbiamo una liturgia ed una spiritualità diversa. Ma questo nostro patrimonio è parte di quel polmone dell’Oriente, che come diceva Giovanni Paolo II, insieme a quello dell’Occidente, fa respirare la Chiesa in Europa. Non vogliamo essere un ghetto. Vogliamo lavorare insieme per evangelizzare questa terra, l’Italia”. Si presenta così mons. Dionisio Lachovicz, delegato “ad omnia” per l’Esarcato Apostolico per i fedeli ucraini di rito bizantino residenti in Italia. Il Sir lo ha incontrato a Roma a conclusione del Sinodo della Chiesa Greco Cattolica Ucraina. L’Esarcato in Italia è stato appena eretto a luglio da Papa Francesco. Per questo motivo al Sinodo hanno preso la parola sia il cardinale vicario di Roma, Angelo De Donatis, sia il presidente della Cei, card. Gualtiero Bassetti. Ad oggi il numero di fedeli cattolici ucraini di rito bizantino presenti nel nostro Paese ha raggiunto le 70mila unità. L’Esarcato conta 148 comunità e 6 parrocchie personali, sparse in tutta l’Italia (comprese Sicilia e Sardegna), e 64 sacerdoti. Sono parte di quel piccolo popolo ucraino che si è stabilito ed integrato in Italia: le cifre ufficiali parlano di 300mila persone ma il loro  numero può salire tranquillamente a 500mila se si considera che molti non hanno il permesso di soggiorno. Sono invece 20mila i bambini ucraini iscritti nelle scuole italiane.

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa nel mondo
Tag: Angelo De Donatis Gualtiero Bassetti rito bizantino ucraini
Fonte: SIR