Conte in Senato: priorità è la tutela della vita
Conte in Senato: priorità è la tutela della vita

Condividi:

È la senatrice Paola Binetti dell’Udc a chiedere al premier Conte di esprimersi sul tema che di qui a qualche giorno scalderà il clima in Parlamento: la sentenza della Consulta, attesa il 24 settembre, sul caso “Cappato-dj Fabo”. Un verdetto che potrebbe dichiararare parzialmente incostituzionale l’articolo 580 del Codice penale che punisce l’aiuto al suicidio, indicando come vulnus l’assenza di specifiche attenuanti per casi particolari.

Conte, da giurista, non si sottrae. Il tema, dice, non è nel programma di governo «per mia precisa volontà» perché «non va politicizzato». Ciò non gli impedisce di esprimere un giudizio: «Sono in gioco i diritti fondamentali della persona. Innanzitutto c’è il diritto alla vita, che è fondamentale presidio giuridico di tutela per ogni essere umano. Anzi, direi che è quel diritto da cui si irradiano poi tutte le manifestazioni della personalità che andiamo a tutelare successivamente. Ci si interroga poi sulla presunta esistenza di un diritto alla morte, sul ruolo che può avere un terzo, pur qualificato, quale può essere un medico, sollecitato a offrire, eventualmente, una risposta alla richiesta di intervento che viene da un paziente».

Continua a leggere

Argomenti: Bioetica Politica/Interni
Tag: bioetica Fine Vita Giuseppe Conte Senato
Fonte: Avvenire