India, aiutano aborigeni. Devastata scuola dei gesuiti
India, aiutano aborigeni. Devastata scuola dei gesuiti

Condividi:

Ancora una volta lo Stato del Jharkhand, dove la presenza cristiana è soprattutto tra i gruppi meno favoriti e sottoposti alla pressione per la riconversione all’induismo, è stato teatro di un episodio di violenza. A finire sotto attacco questa volta è una istituzione educativa aperta agli “adivasi”, i gruppi aborigeni. E, di nuovo, tutto è accaduto nel disinteresse delle autorità. A denunciarlo è padre Thomas Kuzhively, segretario del St. John Berchmans Inter College di Mundli, gestito dai gesuiti della provincia di Dumka-Raiganj, che il 3 settembre è stato devastato da, si stima, 500 individui armati di bastoni, mazze di ferro, catene, coltelli e anche pistole.

Dopo avere denunciato l’incapacità della polizia a fermare la violenza, i responsabili dell’istituzione hanno lanciato un appello al governatore dello Stato, al premier del governo locale e ai presidenti della Commissione nazionale per i diritti umani e della Commissione nazionale per le minoranze affinché si individuino le responsabilità di quanto accaduto.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Gesuiti India scuola
Fonte: Avvenire