Dalla Chiesa dell’Immacolata in Sapri (Sa). Regia di Michele Totaro, commento di Simona De Santis
Dalla Chiesa dell’Immacolata in Sapri (Sa). Regia di Michele Totaro, commento di Simona De Santis

Condividi:

Visitata da Cicerone che la definì “Piccola gemma del mare del sud”, Sapri sorge al centro del golfo di Policastro, abbracciata dai monti e mitigata dal calore del mar mediterraneo. Un paesaggio che ci aiuta a celebrare oggi la 14^ Giornata Nazionale per la custodia del Creato. I vescovi italiani ci invitano a “conoscere e comprendere quella realtà fragile e preziosa della biodiversità di cui la nostra terra è così ricca”. Natura e storia si incontrano sullo scoglio dello “scialandro” dove è raffigurata la spigolatrice che guarda alla sfortunata impresa dei trecento di Carlo Pisacane a cui è legata la città di Sapri.

All’ingresso del paese si trova il complesso di Santa Croce a cui è annessa la “Specola”, una torretta che richiama l’imponenza delle antiche torri medievali. Alta 15 metri è un osservatorio astronomico meteorologico costruito nel 1927 dai padri Bigi. Otto piatti maiolicati immortalano i grandi uomini che hanno collaborato allo sviluppo delle scienze. Il lungomare è l’ideale ritrovo dei sapresi e dei tanti turisti che scelgono come meta balneare questo angolo di natura fregiato della bandiera blu.
Il luogo dei bombardamenti che il 15 agosto 1943 seminarono morte e distruzione è oggi un segno importante che invita alla pace e alla speranza le generazioni future. Sorge qui la nuova chiesa di San Giovanni Battista che coniuga nella sua architettura equilibrio e semplicità. Il portale d’ingresso, in bronzo, raffigura due mamme, Maria ed Elisabetta, che si incontrano e divengono simbolo dell’amore portato e donato. L’interno richiama il tema del deserto e l’attività di Giovanni Battista come voce che preannuncia la venuta di Gesù: il battesimo nell’acqua trova compimento nel battesimo dello Spirito e apre alla carità verso i fratelli più bisognosi che con amore vengono accolti nella mensa diocesana.

Ad ospitare la celebrazione della Santa Messa è la chiesa dell’Immacolata realizzata agli inizi del 1700. Le statue di San Vito, patrono di Sapri, e dell’Immacolata arricchiscono l’imponente e armonica facciata dell’edificio neoclassico che, finemente decorata, si presenta maestosa sulla piazza con due torri massicce ai lati. Di particolare bellezza è il portale in bronzo realizzato nel 1983 che racconta una chiesa in cammino verso il risorto.

Continua a leggere

Argomenti: Televisione
Tag: Santa Messa Televisione
Fonte: Santa Messa