Bari 2020. In Egitto i cristiani nel mirino. «Ma la paura non ci ferma»
Bari 2020. In Egitto i cristiani nel mirino. «Ma la paura non ci ferma»

Condividi:

Di fronte alla chiesa una camionetta dell’esercito presidia gli ingressi. I militari hanno il mitra sotto il braccio ma il loro volto è sereno. Per entrare all’interno bisogna superare prima un checkpoint e poi i controlli che includono anche l’ispezione con il metal detector. È stato un Natale “blindato” quello che hanno vissuto i cattolici in Egitto. Come lo è stato per i copti ortodossi che hanno celebrato la Natività il 7 gennaio. Non è una novità. Da quando le chiese sono finite nel mirino degli estremisti, gli attentati sono considerati “probabili” soprattutto durante le festività religiose. «Certo che viviamo nella paura. Ma ogni atto terroristico non è solo contro i cristiani: è contro l’intero Egitto e i suoi progressi», spiega il patriarca copto cattolico Ibrahim Isaac Sidrak.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Bari Cei Egitto Mediterraneo
Fonte: Avvenire