Striscia di Gaza: mons. Broglio, “cristiani rifiutano sempre posizioni unilaterali”
Striscia di Gaza: mons. Broglio, “cristiani rifiutano sempre posizioni unilaterali”

Condividi:

“Siamo qui per testimoniarvi l’universalità della Chiesa e la nostra attenzione e sollecitudine per voi. Il Signore ci insegna a non essere indifferenti davanti alla vita dei nostri fratelli e del nostro prossimo”. Così mons. Timothy Broglio, arcivescovo ordinario militare per gli Stati Uniti d’America, ha salutato ieri la comunità cattolica di Gaza durante la messa celebrata nella parrocchia latina della Sacra Famiglia, l’unica della Striscia. Si è trattato del primo appuntamento del pellegrinaggio di solidarietà (11-16 gennaio) dei vescovi del Coordinamento della Terra Santa (Hlc) in corso tra Gaza, Ramallah e Gerusalemme Est. Il gruppo dei vescovi delegati delle Conferenze episcopali europee, del Nord America, con rappresentanti del Ccee e Comece, è stato accolto al valico di Erez, al confine con Israele, dal parroco della Striscia, padre Gabriel Romanelli. In chiesa l’incontro con la comunità e la messa. Commentando il passo del Vangelo del Battesimo di Gesù, mons. Broglio ha ricordato che “la vita, l’armonia e la pienezza dei cristiani rifiutano sempre posizioni unilaterali che non fanno altro che rinchiuderci dentro noi stessi. A volte dobbiamo sacrificare parte della nostra libertà per dare buon esempio di rettitudine. Occorrono umiltà e coraggio nelle prove e nelle sofferenze. Difficile soprattutto per voi nella vostra realtà. Ma il Battesimo di Gesù ci spinge su questa via. Per sconfiggere il male dobbiamo vivere in comunione con Cristo”. “La Chiesa – ha concluso – continuerà senza sosta ha invocare giustizia, rispetto e uguaglianza per chi vive nella stessa terra”.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: CCEE Gaza Terra Santa
Fonte: SIR