La sorella di padre Hamel: “Con il suo sangue versato Jacques è diventato seme di pace”
La sorella di padre Hamel: “Con il suo sangue versato Jacques è diventato seme di pace”

Condividi:

Al collo porta da quasi quattro anni il crocifisso che aveva donato a padre Jacques per il 50° anniversario di sacerdozio. Quel simbolo nel cuore di Roseline Hamel lega la passione e la morte di Cristo a quella del fratello. Padre Hamel, ucciso il 26 luglio 2016, a 85 anni, stava celebrando messa nella chiesa di Saint-Étienne-du-Rouvray, in Normandia, mentre due estremisti islamici hanno fatto irruzione nella parrocchia, hanno sequestrato i fedeli presenti e poi assassinato il sacerdote. Di quel giorno ogni momento è impresso nella memoria di Roseline, dalla corsa in chiesa al momento in cui ha saputo della morte del fratello. Ne ricorda il grande dolore e i doni che sono sbocciati dal sangue versato da “père Jacques”.

“Con il suo martirio mio fratello è diventato seme di pace”, dice al Sir. Oggi la donna porta la sua testimonianza, il racconto della vita condivisa con un martire e il suo messaggio, dove gli è chiesto. Ne vuole parlare con i giovani e nelle scuole. E, anche quest’anno, è stata a Lourdes, accompagnata dalla figlia Angelica, per consegnare il premio giornalistico in memoria di padre Jacques Hamel al vincitore, Pierre Jovanovic, che ha raccontato in un articolo la storia di Kayla Jean Muller, rapita in Iraq e uccisa dai Jihadisti, dopo che non ha voluto rinunciare alla sua fede cristiana. I membri delle giuria raccontano che, leggendo quell’articolo, Roseline ha pianto. La sua voce è commossa e tremante anche quando ricorda il fratello. Singhiozza. Ma si fa decisa quando ribadisce che “a père Jacques la forza gli veniva dal Vangelo, dalla fede”. Roseline, oggi 80 anni, aveva 10 anni meno di padre Jacques. Madre di 4 figli e nonna di 10 nipoti, è sempre stata a fianco del sacerdote ucciso dagli estremisti islamici. Lo ricorda quando da piccolo, all’altare, da chierichetto serviva messa. E, nello scorrere degli anni, in canonica quando scriveva le omelie. Adesso, il suo compito è quello di diffondere ciò che ha vissuto.

Continua a leggere

Argomenti: Spiritualità
Tag: martiri padre Jacques Hamel testimoni
Fonte: SIR