Covid, inondazioni, migranti: i tanti volti della prossimità dei cristiani
Covid, inondazioni, migranti: i tanti volti della prossimità dei cristiani

Condividi:

Con un totale di contagi da inizio pandemia che supera le 700mila persone, la Spagna ha il non invidiabile primato di diffusione del coronavirus in Europa. Se ne è parlato in Ecclesia di martedì 29 settembre. Intervista a suor Luisa Lopez Leon Santiago che ha raccontato la preoccupazione della popolazione, le tensioni tra il governo regionale e quello nazionale, la vita della casa di accoglienza per persone disabili nella quale opera insieme alle consorelle. Il Covid aggrava le già precarie condizioni di vita in Paesi particolarmente poveri come il Sud Sudan. In alcune regioni dello Stato africano le inondazioni hanno avuto come conseguenza lo spostamento di migliaia di famiglie. Da Juba, la capitale del Sud Sudan, la testimonianza di Giorgia Gelfi, che coordina nel Paese i progetti di Medici con l’Africa Cuamm facendo fronte alla drammatica precarietà sanitaria e alimentare. In Italia si affaccia di nuovo il dibattito all’interno del governo sui decreti così detti sicurezza. Tra quanti chiedono il superamento della logica che ha guidato scelte di fatto punitive anche nei confronti di chi avrebbe diritto di vedersi riconosciuto lo status di rifugiato, la Federazione delle chiese evangeliche in Italia a cui ha dato voce Paolo Naso, coordinatore di Mediterranean Hope, il programma della Fcei per le persone migranti.

Continua a leggere

Argomenti: Solidarietà
Tag: Africa Chiese Evangeliche in Italia Coronavirus Cristiani Europa pandemia Spagna
Fonte: Radio InBlu