La Chiesa di Napoli e il coronavirus
La Chiesa di Napoli e il coronavirus

Condividi:

Napoli è la città che insieme a Milano risulta maggiormente esposta al contagio del Coronavirus. Una situazione che ha costretto ad avviare misure restrittive che hanno provocato protesta e rabbia per le conseguenze sociali e lavorative. Alle conseguenze della pandemia si aggiungono i vecchi problemi. Di questi giorni la notizia della chiusura della multinazionale Whirpool. Alessandra Giacomucci ha intervistato Antonio Mattone, direttore dell’Ufficio Pastorale per i problemi sociali e il lavoro, per comprendere meglio le difficoltà che Napoli vive con le nuove misure.

Il cardinal Bassetti, presidente della Conferenza Episcopale Italiana, è risultato positivo al tampone per la ricerca del Covid 19. In un comunicato la Cei afferma che il cardinale vive questo momento con fede, speranza e coraggio. Le sue condizioni sono costantemente monitorate. E sono stati avviati gli accertamenti previsti per il tracciamento e le verifiche dei contatti. Monsignor Stefano Russo, segretario generale della Cei.

Nella lettera al cardinale Parolin sulla Unione Europea, Papa Francesco scrive: “Sogno un’Europa sanamente laica, in cui Dio e Cesare siano distinti ma non contrapposti”. Rita Salerno ha raggiunto il cardinal Kurt Koch, presidente del Pontificio consiglio per la Promozione dell’unità dei Cristiani, per parlare delle chiese cristiane in Europa.

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa in Italia
Tag: Coronavirus Gualtiero Bassetti Napoli
Fonte: InBlu2000