Economy of Francesco. Jeffrey Sachs: la disuguaglianza toglie la dignità
Economy of Francesco. Jeffrey Sachs: la disuguaglianza toglie la dignità

Condividi:

Gli Stati Uniti sono ricchi, infelici e insostenibili. E la loro ricchezza è fondata sull’illusione del denaro pompato nel sistema dalla Federal reserve e su una disuguaglianza sempre più estrema e sempre più pericolosa. Jeffrey Sachs, direttore del Earth Institute della Columbia University, dove insegna Sviluppo sostenibile, e autore del rapporto mondiale sulla Felicità (World Happiness Report) guarda all’America emersa dalle elezioni presidenziali e vede un Paese che avanza a tentoni al bordo del precipizio, ma che può ancora, sotto l’egida della nuova Amministrazione, cambiare direzione. Sachs ha inaugurato ieri le conferenze di Economy of Francesco con una relazione intitolata “Perfecting Joy: three proposals to let life flourish”.

Professor Sachs, perché la disuguaglianza economica è così pericolosa?

Porta a una perdita di dignità e di salute (sia mentale che fisica) per le categorie che lascia in disparte e fa aumentare le tensioni sociali. Quando i ricchi sono troppo ricchi, diventano arroganti nei confronti del resto della società e assumono il controllo del sistema politico, modificando le regole del gioco a loro vantaggio. È successo negli Stati Uniti: ora abbiamo due Americhe e il Paese è diventato politicamente e socialmente instabile. La pandemia non ha fatto che esasperare le disuguaglianze e le divisioni.

Cosa dice il “World Happiness Report” sul rapporto tra disuguaglianza e felicità?

Le società più felici, quelle del Nord Europa, hanno la più bassa disuguaglianza. Perseguono la strategia di un’economia mista con accesso universale alla salute, all’istruzione, alle infrastrutture pubbliche, al sostegno della famiglia, alle ferie e ad altre prestazioni lavorative. Tassano pesantemente (circa il 50% del reddito nazionale) e distribuiscono le entrate nei servizi pubblici nei pagamenti per le famiglie e i bisognosi. Funziona bene.

Continua a leggere

Argomenti: Economia
Tag: Economy of Francesco Jeffrey Sachs
Fonte: Avvenire