Bari 2020. Card. Sandri: “Lavorare per la grande primavera del Mediterraneo”
Bari 2020. Card. Sandri: “Lavorare per la grande primavera del Mediterraneo”

Condividi:

“Il Mare Nostrum non sia un muro ma un ponte per tutte le realtà cristiane, e non, che si affacciano sulle sue rive”: alla vigilia di “Mediterraneo, frontiera di pace”, l’evento di riflessione e spiritualità che si terrà a Bari dal 19 al 23 febbraio, per iniziativa della Cei, a parlare al Sir è il card. Leonardo Sandri, Prefetto della Congregazione per le Chiese Orientali. “Sono grato alla Cei per questa iniziativa – afferma il Prefetto che sarà presente a Bari – che coinvolge tanti pastori delle nostre Chiese cattoliche orientali. Lo scopo è quello di vivere un tempo sinodale per prendere coscienza della grandezza dei problemi che l’area mediterranea si trova ad affrontare, in particolare la crisi umanitaria dei migranti che lasciano le loro terre a causa delle guerre, dell’instabilità, della miseria, e vogliono trovare un approdo sicuro di pace”. Da qui l’auspicio che “il Mare Nostrum non sia un muro ma un ponte” “per tutte le realtà cristiane e non che si affacciano sulle sue rive. Come cristiani, come Chiese cattoliche, siamo chiamati ad agire per venire incontro ai fratelli delle altre religioni”. Il pensiero del Prefetto va a “quelli che vengono dal Medio Oriente, in maggioranza islamici, e dall’Africa” in particolare “agli eritrei e agli etiopi che in gran numero cercano di raggiungere le nostre coste provando a superare il muro di acqua. Bari vuole essere una presa di coscienza della crisi che interessa questa area e della risposta che come comunità cristiane e Chiese siamo chiamati a dare nel rispetto delle regole”.

Continua a leggere

Argomenti: Cei
Tag: Bari2020 card. Sandri Mediterraneo pace
Fonte: SIR