Bari 2020. Mons. Bizzeti: “Che sia prima pietra di un ponte che riavvicini le due sponde”
Bari 2020. Mons. Bizzeti: “Che sia prima pietra di un ponte che riavvicini le due sponde”

Condividi:

“Sarà l’apertura di una panoramica. Il Papa ha messo dei punti precisi. Ha detto: non fate lamentele perché è inutile stare a lamentarsi quando le cose non vanno bene. Non fate discorsi campati in aria. Fatemi delle proposte concrete che possono essere utili per risolvere i problemi dell’umanità perché veramente il Mediterraneo è il concentrato di tutti i problemi dell’umanità in quanto abbraccia Asia, Africa e Europa”. Con queste parole il presidente della Cei, card. Gualtiero Bassetti, ha presentato il 12 febbraio, l’Incontro su “Mediterraneo, frontiera di pace” (Bari, 19-23 febbraio), promosso dalla stessa Cei. L’incontro, al quale parteciperanno oltre 50 vescovi in rappresentanza delle Conferenze episcopali dei 19 Paesi che si affacciano sul Mediterraneo, sarà concluso da Papa Francesco con la celebrazione della messa, domenica 23.

Tra i partecipanti – in rappresentanza della piccola Chiesa cattolica turca – ci sarà anche mons. Paolo Bizzeti, dall’agosto 2015 vicario apostolico dell’Anatolia (successore di mons. Luigi Padovese, ucciso il 3 agosto 2010 a Iskenderun, ndr.). E le parole del card. Bassetti vengono subito riprese dal vescovo, fiorentino di nascita, ma padovano di adozione dopo essere stato per otto anni direttore dell’Antonianum, famoso centro ignaziano di cultura e formazione della città veneta.

Continua a leggere

Argomenti: Cei
Tag: Bari2020 Mediterraneo Paolo Bizzeti Turchia
Fonte: SIR