Papa Francesco: vicino ai malati del Coronavirus e a chi combatte il contagio
Papa Francesco: vicino ai malati del Coronavirus e a chi combatte il contagio

Condividi:

Chiediamoci «cosa significhi spiritualmente il deserto, anche per noi che viviamo in città»: l’invito del Papa nel Mercoledì delle Ceneri è rivolto a ragionare sul significato spirituale del deserto: inteso come «il luogo del distacco dal frastuono che ci circonda. È assenza di parole per fare spazio a un’altra Parola, la Parola di Dio».
«La Quaresima è il tempo propizio per fare spazio alla Parola di Dio. È il tempo per spegnere la televisione e aprire la Bibbia. È il tempo per staccarci dal cellulare e connetterci al Vangelo», così il Papa si è espresso nel corso nell’udienza generale nel Mercoledì delle Ceneri, ricordando che «nel deserto si ascolta la Parola di Dio, che è come un suono leggero»: «un filo di silenzio sonoro».
Gesù «amava ritirarsi ogni giorno in luoghi deserti a pregare. Ci ha insegnato come cercare il Padre, che ci parla nel silenzio». «E non è facile fare il silenzio nel cuore», ha ammesso Francesco a braccio: «Sempre noi cerchiamo un po’ di andare a parlare, stare con gli altri: ma il silenzio è nel cuore». «Quando ero bambino – ha raccontato ancora fuori testo – non c’era la televisione, ma c’era l’abitudine di non ascoltare la radio in Quaresima: è deserto».

Continua a leggere

Argomenti: Salute Santa Sede
Tag: Coronavirus Papa Francesco Quaresima udienza generale
Fonte: Avvenire