Coronavirus. Tutta Italia zona protetta: quali sono le misure
Coronavirus. Tutta Italia zona protetta: quali sono le misure

Condividi:

La Gazzetta Ufficiale ha pubblicato il nottata il Dpcm “Io resto a casa” che è in vigore da oggi al 3 aprile. Le norme sono valide in tutta Italia. Sono le stesse già in vigore da domenica in Lombardia e in 14 province. Viene inoltre fermato il campionato italiano di calcio, vengono chiusi tutti gli impianti sciistici. Eccole in sintesi:

1) è vietata ogni forma di assembramento di persone in luoghi pubblici o aperti al pubblico;

2) sono sospesi gli eventi e le competizioni sportive, eccetto quelli internazionali che potranno svolgersi a porte chiuse;

3) lo sport all’aperto è ammesso purché si rispetti la distanza di un metro tra le persone;

4) va evitato lo spostamento di persone fisiche (non delle merci) se non per “comprovate esigenze lavorative o situazioni di necessità o motivi di salute”. È consentito il ritorno a casa;

5) a chi ha più di 37,5 gradi di febbre è “fortemente raccomandato” di rimanere a casa;

6) chi è in quarantena deve rimanere a casa;

7) le aziende devono agevolare le ferie e i permessi per i dipendenti;

8) sono chiusi gli impianti sciistici;

9) sono sospesi gli eventi, compresi quelli culturali, ludici, sportivi, religiosi e fieristici;

10) sono sospese le attività in asili, scuole, università;

11) sono sospese le cerimonie civili e religiose,compresi i funerali;

12) le attività di ristorazione e bar sono consentite dalle 6 alle 18, ma va mantenuto un metro di distanza tra le persone;

13) le altre attività commerciali sono consentite purché si rispetti la distanza di un metro;

14) nelle giornate festive e prefestive sono chiuse le medie e grandi strutture di vendita (ad esempio centri commerciali e mercati);

15) sono sospese le attività di palestre, centri sportivi, piscine, centri termali, centri sociali e ricreativi;

16) sono sospesi gli esami alla Motorizzazione Civile.

Continua a leggere

Argomenti: Politica/Interni
Tag: Coronavirus Giuseppe Conte Italia salute
Fonte: Avvenire