Il Papa non andrà a Malta. Mons. Scicluna: “Lo accoglieremo in un  momento più opportuno”
Il Papa non andrà a Malta. Mons. Scicluna: “Lo accoglieremo in un momento più opportuno”

Condividi:

“È stata una decisione cordiale, presa dalla Santa Sede, dalla Chiesa di Malta e dallo Stato della Repubblica di Malta, nella speranza che si potrà vivere la gioia dell’accogliere il Santo Padre qui da noi nel modo e nel momento più opportuno”. Così mons. Charles J. Scicluna, arcivescovo di Malta, commenta al Sir l’annullamento della visita di Papa Francesco a Malta e Gozo, prevista per il 31 maggio e rinviata a data da destinarsi a causa dell’emergenza sanitaria in corso. “Abbiamo fate e sete di stare insieme”, dice Scicluna a proposito del “digiuno degli abbracci”, che quando finirà questo “Venerdì Santo anticipato e prolungato” risulteranno ancora più importanti.

Come è stata accolta la notizia del mancato arrivo del Santo Padre a Malta?
Con un grande senso di realismo, perché la situazione attuale non permette un viaggio papale in questo momento così delicato e difficile a causa della pandemia che purtroppo si sta diffondendo nel mondo. Anche noi abbiamo i nostri casi di Covid -19, e le autorità statali ci hanno imposto ristrettezze per il bene comune. È stata una decisione cordiale, presa dalla Santa Sede, dalla Chiesa di Malta e dallo Stato della Repubblica di Malta, nella speranza che si potrà vivere la gioia dell’accogliere il Santo Padre qui da noi nel modo e nel momento più opportuno.

Come state vivendo l’emergenza coronavirus?
Ad oggi, 23 marzo, abbiamo 103 casi dichiarati di coronavirus sulla nostra isola, e le autorità hanno imposto restrizioni che tutti noi appoggiamo perché sappiamo che sono per il bene comune. I vescovi di Malta e Gozo hanno deciso già due settimane fa di chiudere e di non celebrare le Messe nelle nostre parrocchie, per evitare l’afflusso di popolazione che ancora frequenta le nostre chiese. Nello stesso tempo, abbiamo subito predisposto un servizio di accompagnamento ai fedeli per mezzo della televisione, di Internet e dei social media, cercando di accompagnare il nostro popolo ma anche facendo sì che possa partecipare alle liturgie che i nostri preti celebrano nelle parrocchie, sia pure a distanza. Devo dire che la risposta è stata molto consolante e molto incoraggiante: i nostri fedeli seguono anche la Messa che il Santo Padre celebra la mattina alle 7, pregano il Rosario, e parteciperanno alle iniziative proposte da Papa Francesco nei prossimi giorni.

Ci sarà anche Malta, dunque, il 25 marzo per la recita del Padre Nostro con il Santo Padre e tutti i capi delle Chiese cristiane e il 27 marzo, per il momento di preghiera di Francesco sul sagrato della basilica di San Pietro, in una piazza vuota. E’ la forza della preghiera, che azzera le distanze e aiuta a superare le difficoltà, quella che stiamo sperimentando in questa Quaresima?
Più che Quaresima, il tempo – non solo liturgico – che stiamo vivendo è un Venerdì Santo anticipato e prolungato. Il Venerdì Santo viene quando lo Sposo ci è tolto, e anche il vescovo si toglie l’anello dello sposo, perché lo Sposo è tolto, nella speranza della Resurrezione. Questo grande digiuno delle nostre comunità, della Chiesa – che è un digiuno dell’Eucaristia – per il nostro popolo è un Venerdi Santo anticipato e prolungato. Ma non possiamo perdere, neanche in questa congiuntura così tragica, la speranza della Resurrezione.

Quando la pandemia sarà finita, ha detto di recente il Papa, sarà “quasi un secondo dopoguerra”. Secondo lei, la gente è consapevole della gravità e vastità della situazione, e delle sue conseguenze sul nostro futuro?
La gente ha capito perché ha paura. E forse ha anche la saggezza di stare attenta, di seguire le indicazioni delle autorità. Qui a Malta, ad esempio, le strade sono deserte, hanno chiuso i battenti tutti gli esercizi commerciali non essenziali. Sono chiusi cinema e bar, teatri e ristoranti, sono chiuse le chiese. È un’atmosfera strana, mai conosciuta, di chi è consapevole che là fuori c’è un nemico invisibile da combattere…

Continua a leggere

Argomenti: Chiesa nel mondo Santa Sede
Tag: Charles Scicluna Coronavirus Malta Papa Francesco
Fonte: SIR