Rutilio Grande e san Oscar Romero: El Salvador celebra l’amicizia tra due martiri
Rutilio Grande e san Oscar Romero: El Salvador celebra l’amicizia tra due martiri

Condividi:

“Una grande gioia e un atto di giustizia. Padre Rutilio Grande è stato un martire evidentissimo. Desidero ringraziare il Santo Padre”. Il cardinale Gregorio Rosa Chávez, vescovo ausiliare di San Salvador e già segretario di mons. Romero, parlando con il Sir, dà voce a tutta la gioia della Chiesa dell’El Salvador che, seppure nel contesto di un duro isolamento per prevenire il contagio del coronavirus, vive settimane irripetibili. Da un lato, qualche settimana fa, è arrivata la notizia del riconoscimento del martirio del sacerdote gesuita Rutilio Grande e di due laici che lo accompagnavano, Manuel Solórzano e Nelson Rutilio Lemus.
Dall’altro, oggi si celebra il quarantesimo anniversario del martirio di san Oscar Arnulfo Romero, arcivescovo di San Salvador, che di padre Rutilio fu amico. Per quel giorno il programma ufficiale prevedeva una messa solenne, presieduta dal cardinale guatemalteco Alvaro Ramazzini. “Ci sarà invece una Messa celebrata dall’arcivescovo e trasmessa in tv e sulle reti social”, ci dice il cancelliere dell’arcidiocesi di San Salvador, padre Rafael Urrutia.
In occasione della ricorrenza del quarantesimo anniversario della morte di mons. Romero, ricorda il cardinale Rosa Chávez,“la Conferenza episcopale salvadoregna ha proclamato un anno giubilare particolare, un anno ‘martiriale’, per collegare in un unico filo i martiri dell’El Salvador”.Il 12 marzo è stato ricordato il 43° anniversario dell’uccisione di padre Rutilio Grande e dei suoi due compagni; dopo il 40° del martirio di mons. Romero, ci saranno altri appuntamenti lungo tutto l’anno. Conferma padre Urrutia: “I nostri vescovi hanno proclamato quest’anno perché prendiamo coscienza che il Vangelo si vive per la consegna generosa e Gesù Cristo e ai poveri. In questo contesto, l’annunciata beatificazione di padre Rutilio Grande ci dà una grande speranza”.

L’amicizia tra i due martiri. La figura di padre Rutilio Grande, in attesa che venga fissata la data della sua beatificazione, merita di essere meglio conosciuta e valorizzata, certo senza disgiungerla da quella dell’arcivescovo, suo grande amico. Fa notare il cardinale Rosa Chávez, che conobbe entrambi: “Sul loro rapporto ci sono delle leggende da sfatare”. Il riferimento è alla “vulgata” secondo la quale Romero si sarebbe convertito alla causa dei poveri e della sofferenza del suo popolo solo piangendo la morte del caro amico gesuita. Lo aveva conosciuto quando era vescovo ausiliare a San Salvador, lo aveva appena ritrovato, quando padre Grande fu ucciso il 12 marzo 1977, solo tre settimane dopo il l’ingresso dell’arcivescovo a San Salvador.


Continua a leggere

Argomenti: Chiesa nel mondo
Tag: El Salvador martiri missionari Oscar Romero
Fonte: SIR