Bimbo muore nel Mar Egeo. Il video-choc dei “respingimenti” greci
Bimbo muore nel Mar Egeo. Il video-choc dei “respingimenti” greci

Condividi:

Davanti alle coste greche un gommone con 48 persone a bordo si è capovolto, un bambino è morto nel tentativo di raggiungere assieme alle altre 47 persone l’isola di Lesbo, in Grecia. Nel frattempo il governo greco non ha confermato l’uccisione di un ragazzo siriano sul confine tra Turchia e Grecia. Le forze di sicurezza greche – stando a quanto riportato dal corrispondente di Radio Radicale – gli avrebbero sparato mentre tentava di oltrepassare il confine.

La crisi umanitaria al confine tra Grecia e Turchia esplosa già nei giorni scorsi appare sempre più drammatica: al confine turco-greco sono continuati gli scontri e con il lancio di lacrimogeni su famiglie con bambini, come testimoniato dai corrispondenti e dai fotografi internazionali. Il governo ellenico nel frattempo ha bloccato tutte le nuove domande di asilo per il mese prossimo dopo che la Turchia ha aperto le frontiere alle persone migranti che vogliono raggiungere l’Unione Europea. E si parla già di quasi 120mila persone che avrebbero lasciato la Turchia per raggiungere il confine turco-greco – a ridosso della città nord occidentale di Edirne. Lo ha scritto su Twitter il ministro dell’Interno di Ankara, Suleyman Soylu.

Il primo ministro greco Kyriakos Mitsotakis ha affermato che la Grecia ha aumentato al massimo “il livello di controllo e allerta ai nostri confini”. La Turchia dal canto suo ha replicato di non poter gestire la quantità di persone che fuggono dalla guerra in Siria. Venerdì, il presidente turco Recep Tayyip Erdogan aveva dichiarato di voler permettere ai migranti di superare i confini delle Stati vicini, tra Grecia e Bulgaria.

Continua a leggere

Argomenti: Migranti
Tag: bambini Erdogan Europa Grecia migranti Turchia
Fonte: Avvenire