Combattimenti a Idlib. Padre Jallouf: “Sfollati in fuga dormono anche nei pollai e sotto gli alberi”
Combattimenti a Idlib. Padre Jallouf: “Sfollati in fuga dormono anche nei pollai e sotto gli alberi”

Condividi:

“I combattimenti infuriano senza sosta. Proprio due giorni fa abbiamo potuto vedere con i nostri occhi l’abbattimento di un aereo siriano da parte turca. Sappiamo di tanti morti tra i soldati siriani e quelli turchi che sostengono i ribelli. Ma è impossibile quantificarne il numero perché i dati sono influenzati dalla propaganda che è una guerra parallela a quella combattuta sul terreno”.
È la testimonianza che arriva da padre Hanna Jallouf, francescano della Custodia di Terra Santa e parroco latino di Knaye, uno dei tre villaggi cristiani della Valle dell’Oronte (gli altri sono Yacoubieh e Gidaideh, tutti a circa 50 km da Idlib), nella provincia di Idlib, nel nord-ovest della Siria, sotto controllo dei jihadisti di Tahrir al-Sham, oppositori al regime del presidente Assad. La speranza “almeno in un cessate-il-fuoco” è tutta riposta nell’incontro previsto oggi a Mosca tra Putin ed Erdogan dove sarà discussa la crisi in corso a Idlib per cercare di raggiungere un’intesa.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Cristiani migranti
Fonte: SIR