Coronavirus. Le 100.000 mascherine della “Caritas” cinese sono arrivate in Vaticano
Coronavirus. Le 100.000 mascherine della “Caritas” cinese sono arrivate in Vaticano

Condividi:

“Santo Padre, durante l’epidemia, abbia cura di se stesso!”. Con questo messaggio, uno stock di 100mila mascherine inviate dai cattolici cinesi in Vaticano e in Italia sono arrivate a Roma e a Milano. Gli aiuti sanitari comprendono anche guanti, gel igienizzanti e camici. Sono stati raccolti e donati dalla Jinde Charities, la rete caritativa legata alla Chiesa cattolica della Repubblica popolare cinese che ha sede a Shijizhuang City nella Provincia di Hebei. L’organizzazione, fondata da padre John Baptist Zhang, era riuscita a distribuire, con il supporto della Caritas tedesca, dispositivi per la protezione individuale agli operatori che erano impegnati in prima linea contro il contagio. Con l’allentamento del contagio in Cina e in particolare a Wuhan, l’organizzazione ha voluto in qualche modo contraccambiare gli aiuti arrivati dall’Italia durante l’emergenza e soprattutto le 700mila mascherine sanitarie donate da Papa Francesco. “Quando Wuhan era in piena emergenza, abbiamo ricevuto donazioni amorevoli da tutto il mondo. Ma ora ci sono ancora molti Paesi che mancano di forniture protettive e dovremmo dare una mano”. Il materiale sanitario è arrivato con un volo dall’aeroporto di Xiamen (Cina). Una parte è stato trasferito nel magazzino del comune della provincia di Monza e Brianza e sarà utilizzato da Caritas Ambrosiana per la gestione delle emergenze. Un’altra parte è arrivata alla Farmacia vaticana.

Continua a leggere

Argomenti: Santa Sede
Tag: Caritas Cina Coronavirus mascherine Vaticano
Fonte: SIR