Lamorgese: barconi “dirottati” verso l’Italia, «chiesti chiarimenti a Malta»
Lamorgese: barconi “dirottati” verso l’Italia, «chiesti chiarimenti a Malta»

Condividi:

“Ho visto questo video, l’ho girato con un WhatsApp al ministro dell’interno maltese”. È il ministro dell’Interno Luciana Lamorgese a confermare che il governo italiano non ha lasciato cadere l’inchiesta di Avvenire sui “dirottamenti” di migranti ad opera di Malta. A seconda dei casi respinti illegalmente verso la Libia oppure altrettanto illegalmente spinti verso le coste italiane.

Nel corso dell’intervista a “Che tempo che fa”, Fabio Fazio ha domandato quale fosse stata la reazione italiana alla ricostruzione giornalistica. Fino ad ora, infatti, ad esclusione del viceministro dell’Interno Sicilia nessuna parola era mai venuta dai vertici del governo. Luciana Lamorgese ha spiegato di avere informato immediatamente il suo omologo maltese, Byron Camilleri. Ma la risposta ottenuta non deve essere sembrata convincente. “Mi pare assurdo – ha detto Lamorgese nel corso della trasmissione – che un accordo che noi abbiamo fatto a Malta poi veda questo Paese implicato in una situazione di questo genere. Il ministro mi ha detto che non era esattamente come risultava dal video, comunque ho ritenuto di segnalare la questione anche alla commissione europea”.

TUTTI GLI ARTICOLI SUL CASO MIGRANTI

Lamorgese ha così fornito una seconda informazione. Da giorni chiediamo a Malta delle spiegazioni, ma la reazione del governo de La Valletta continua a essere il silenzio anche con la stampa locale che da giorni pressa per ottenere chiarimenti. Stando a quanto riferisce Lamorgese, secondo il collega Camilleri “la situazione non era esattamente come risultava dal video”. Quale sia la versione alternativa non è però dato saperlo.

Intanto la situazione nel Mediterraneo centrale resta grave. Alarm Phone, il servizio di emergenza contattato dai naufraghi in mare, riferisce di aver perso contatto con due barconi: 55 persone di cui non si ha notizia dalle 18.13 di ieri e altre 85 le cui comunicazioni sono interrotte dalle 5.26 di questa mattina. Altre 91 hanno chiesto aiuto. L’ultimo contatto gps li segnalava 60 miglia a nord di Khoms. “Abbiamo contattato le autorità europee (Italia e Malta, ndr) e le autorità libiche, ma non rispondono”, denuncia Alarm Phone.

Continua a leggere

Argomenti: Migranti
Tag: Luciana Lamorgese Malta migranti
Fonte: Avvenire