A Gaza, dove nonostante tutto c’è ancora voglia di sorridere
A Gaza, dove nonostante tutto c’è ancora voglia di sorridere

Condividi:

“Gaza è considerata una enorme prigione a cielo aperto, dove è praticamente impossibile muoversi. Ma oggi, paradossalmente, tutto il mondo è una prigione a causa del Covid-19. E i gazawi stanno sopportando meglio di altri questa chiusura perché abituati a vivere rinchiusi. Forse anche per questo qui a Gaza ancora riusciamo a sorridere”: sono giorni intensi quelli che la piccola comunità cristiana della Striscia –1000 fedeli di cui 130 cattolici, “più altri 2 in arrivo” – sta vivendo in questo tempo di pandemia da Covid-19. A raccontarli al Sir è il parroco della parrocchia latina della Sacra Famiglia, padre Gabriel Romanelli, durante uno dei rari momenti di pausa dalle attività estive. “Dio sta risparmiando Gaza dalla pandemia. Si registrano casi solo tra persone che arrivano da fuori, in questo caso i contagiati vengono messi in quarantena in apposite strutture realizzate al confine con Egitto e Israele”. Al 22 luglio, secondo dati dell’Oms, nella Striscia si contano 75 casi di Covid, 68 ricoveri e 1 decesso. A poco a poco, le strade sono tornate a riempirsi di gente, i mercati e i negozi hanno riaperto, così anche le chiese e le moschee. Ma la situazione socio-economica e sanitaria resta molto grave.

Coronavirus e conflitto. “Il Coronavirus – aggiunge il parroco – ha aggravato la situazione economica e sanitaria che era già disastrosa a causa di un conflitto che non vede fine. La tensione è continua. Ci sono nuovi disoccupati e gli aiuti dall’estero hanno subito uno stop. Le scuole dovrebbero riprendere la prima settimana di agosto, ma al momento non ci sono conferme. Nel frattempo, però, abbiamo avuto il permesso dalle Autorità locali di organizzare delle attività ricreative anche se con qualche restrizione. Per esempio il gruppo scout ha promosso una serie di attività ma solo per un gruppo limitato di suoi aderenti. Tutto nel più rigido rispetto delle norme sanitarie anti-contagio”.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Coronavirus Gaza parrocchia
Fonte: SIR