Papa Francesco: “Esame di coscienza” sui migranti e sull’inferno della Libia
Papa Francesco: “Esame di coscienza” sui migranti e sull’inferno della Libia

Condividi:

“La cultura del benessere, che ci porta a pensare a noi stessi, ci rende insensibili alle grida degli altri, ci fa vivere bolle di sapone, che sono belle, ma non sono nulla, sono l’illusione del futile, del provvisorio, che porta all’indifferenza verso gli altri, anzi porta alla globalizzazione dell’indifferenza”. Sette anni dopo il suo primo viaggio fuori dal Vaticano, Papa Francesco ha ripetuto le parole pronunciate a Lampedusa l’8 luglio del 2013. Nell’omelia della messa celebrata oggi per i migranti nella cappella di Casa Santa Marta, in occasione del settimo anniversario del suo viaggio apostolico, davanti ad un numero ristretto di partecipanti – il personale della sezione rifugiati del Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale – imposto dalle restrizioni legate all’emergenza sanitaria in corso, il Papa è tornato a chiedere “un esame di coscienza” su uno dei temi portanti del pontificato e sull’inferno della Libia, di cui “ci danno una versione distillata”.

“Oggi ricorre il settimo anniversario della mia visita a Lampedusa”, ricorda Francesco, che ribadisce quanto ha detto ai partecipanti al meeting “Liberi dalla paura” nel febbraio dello scorso anno: “L’incontro con l’altro è anche incontro con Cristo. Ce l’ha detto Lui stesso. È Lui che bussa alla nostra porta affamato, assetato, forestiero, nudo, malato, carcerato, chiedendo di essere incontrato e assistito, chiedendo di poter sbarcare. E se avessimo ancora qualche dubbio, ecco la sua parola chiara: ‘In verità io vi dico: tutto quello che avete fatto a uno solo di questi miei fratelli più piccoli, l’avete fatto a me’”. “‘Tutto quello che avete fatto…’, nel bene e nel male!”, esclama il Papa. “Questo monito risulta oggi di bruciante attualità. Dovremmo usarlo tutti come punto fondamentale del nostro esame di coscienza, quello che facciamo tutti i giorni”.

Continua a leggere

Argomenti: Migranti Santa Sede
Tag: Lampedusa Libia migranti Papa Francesco
Fonte: SIR