Il dramma degli incendi nella West Coast. Le chiese diventano rifugi per gli sfollati
Il dramma degli incendi nella West Coast. Le chiese diventano rifugi per gli sfollati

Condividi:

Non si andrà a scuola fino al 21 settembre in molti distretti di Portland in Oregon. Oggi sarebbe stato il primo giorno e invece tutte le attività didattiche si svolgeranno solo online. L’aria è irrespirabile, il cielo è rosso, la cenere stagna su tetti e strade per gli incendi che da settimane bruciano circa 3 milioni di acri, piccole cittadine e vite non solo in Oregon, ma anche in California e nello stato di Washington.Sono 24 le vittime accertate, ma decine sono i dispersi, mentre non si riesce ancora a fare la conta dei milioni di ettari di terreno andati a fuoco e delle migliaia di strutture distrutte.A Portland sono stati chiusi i parchi, le aree per raduni all’aperto, lo zoo, le biblioteche e due prigioni sono state evacuate. Le chiese, al momento, si sono salvate dalle fiamme e sono diventate rifugio di decine di migliaia di sfollati.Come lo sono diventati Milly e Mike della parrocchia di St. Alice a Springfield. Anche loro si sono improvvisamente ritrovati tra il mezzo milione di abitanti dell’Oregon, il 10% della popolazione, ad aver ricevuto l’ordine di sfollare. Mike sa che “a meno di un miracolo, non ritroveremo le case del nostro quartiere”. Il miracolo è quello che chiede anche Milly che, quando ha ricevuto le direttive per abbandonare la loro abitazione, assieme al marito hanno dovuto fare la scelta dolorosa di selezionare cosa portare e cosa lasciare, dopo 53 anni di matrimonio:“Abbiamo preso l’album delle nostre nozze e abbiamo trovato le scatole di foto dell’infanzia dei nostri figli e della nostra infanzia”.

Continua a leggere

Argomenti: Mappamondo
Tag: Chiese incendi sfollati Usa
Fonte: SIR