La lettera. «I genitori degli alunni Down esclusi dalla scuola dei figli»
La lettera. «I genitori degli alunni Down esclusi dalla scuola dei figli»

Condividi:

«Vogliono mettere a tacere la nostra voce e quella dei nostri figli, escludendoli dalle decisioni che riguardano direttamente le loro vite». È la forte denuncia delle famiglie aderenti a Coordown onlus, il Coordinamento delle associazioni delle persone con sindrome di Down, messa nero su bianco in una lettera spedita al presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, al presidente del Consiglio, Giuseppe Conte e alla ministra dell’Istruzione, Lucia Azzolina.

Le preoccupazioni dei genitori degli alunni con sindrome di Down è legata all’imminente varo, da parte del ministero dell’Istruzione, del nuovo modello di Pei (il Piano educativo individualizzato), accompagnato da nuove Linee guida che cambiano la natura del Gruppo di lavoro per l’inclusione (Glo), rendendolo organo collegiale. In questo modo, denuncia Coordown, «la famiglia dello studente disabile partecipa con un solo voto rispetto all’intero corpo docente, che appare di fatto l’organo esclusivo ad esprimere un qualsiasi parere in autonomia e, quindi, idoneo ad approvare un Pei che non vede più il parere della famiglia vincolante per poter essere approvato. Questa – ricorda il Coordinamento delle associazioni delle persone con sindrome di Down – è solo la punta di un iceberg che contiene una serie di iniquità a discapito dello studente con disabilità e della sua famiglia».

Da qui, la scelta di rendere pubblico il problema attraverso la lettera, che contiene anche una richiesta di incontro «per esporre direttamente tutte le incertezze e le riserve che tali nuove regole, se così approvate, apporteranno alla delicatissima materia dell’inclusione scolastica dei nostri figli». Se le richieste non saranno accolte e le Linee guida fossero approvate così come preannunciato, «l’unica, inesorabile, dolorosissima strada sarà l’apertura di una stagione di contrasti e contenziosi che si porteranno avanti fino ai massimi livelli mondiali di giustizia».

Continua a leggere

Argomenti: Scuola / Università
Tag: disabilità Down famiglia Giuseppe Conte Lucia Azzolina scuola Sergio Mattarella
Fonte: Avvenire