Unhcr, diritto alla scuola. Metà dei bambini rifugiati di tutto il mondo non la frequenta
Unhcr, diritto alla scuola. Metà dei bambini rifugiati di tutto il mondo non la frequenta

Condividi:

Se in Italia la ripresa delle scuole resta un nodo ancora da sciogliere, a milioni di bambini rifugiati nel mondo il diritto all’istruzione continua a essere negato e il Covid-19 rischia di peggiorare ulteriormente la situazione. A dirlo è l’Acnur/Unhcr che oggi ha pubblicato il suo quinto rapporto dedicato all’istruzione, “Coming together for refugee education“.

Secondo l’Agenzia delle Nazioni Unite, «se la comunità internazionale non intraprenderà azioni immediate e coraggiose per contrastare gli effetti catastrofici della pandemia, il potenziale di milioni di giovani rifugiati che vivono in alcune delle comunità più vulnerabili al mondo sarà ulteriormente minacciato». Anche perché già prima del Covid la probabilità che un bambino rifugiato non ricevesse un’istruzione era due volte più elevata rispetto a quella di un suo coetaneo in condizioni più avvantaggiate. Ma adesso molti potrebbero non avere più l’opportunità di riprendere gli studi a causa della chiusura delle scuole, della difficoltà di pagare le tasse d’iscrizione, le divise o i libri di testo, oltre che dell’impossibilità di accedere alle tecnologie necessarie o del bisogno di lavorare per sostenere le proprie famiglie.

Continua a leggere

Argomenti: Migranti Scuola / Università
Tag: bambini diritti umani rifugiati scuola Unhcr
Fonte: Avvenire